Taglio dei vitalizi al Senato, parere positivo del Consiglio di Stato

"Chiediamo alla presidente Casellati di procedere e consentirci di approvare la stessa delibera della Camera, perché è un testo solido ed efficace"

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Se il taglio dei vitalizi per gli ex deputati si è deciso in modo piuttosto rapido grazie alla spinta di Roberto Fico, fare lo stesso al Senato rischia di rivelarsi un'impresa ben più complessa nonostante le pressioni dei senatori del Movimento 5 Stelle.

Oggi qualcosa ha iniziato a muoversi col Consiglio di Stato che, interpellato proprio Senato all'inizio del mese scorso prima di procedere ad analizzare la riforma dei vitalizi, ha dato parere positivo, precisando però che i tagli dovranno essere "razionali e proporzionali". La Commissione speciale ha anche sottolineato la necessità di "una causa normativa adeguata e giustificata da una inderogabile esigenza di intervenire o da un interesse pubblico generale" ed è qui che casca l'asino.

Da un lato ci sono i parlamentari di M5S, che di fronte al parere depositato oggi hanno iniziato a spingere per una riforma veloce, magari utilizzando lo stesso testo approvato alla Camera. È di questo parere Stefano Patuanelli, capogruppo M5S al Senato:

Sul taglio dei vitalizi al Senato la situazione deve sbloccarsi. Finora il Consiglio di presidenza, guidato dalla presidente Casellati, si è riunito solo una volta per discutere di vitalizi e in quell’occasione si è deciso… di non decidere. Oggi però, dopo il parere del Consiglio di Stato che dà via libera ai tagli, purché la nuova disciplina ‘sia razionale e non arbitraria’, non si può perdere altro tempo. Chiediamo alla presidente Casellati di procedere e consentirci di approvare la stessa delibera della Camera, perché è un testo solido ed efficace.

Dello stesso parere il questore della Camera, Laura Bottici del Movimento 5 Stelle, che ha prontamente invitato la Presidente del Senato Casellati "a convocare Boeri e “lavorare con noi per mandare in vacanza i vitalizi".

Dall'altro lato, però, c'è Forza Italia, che dà un'interpretazione totalmente diverse del parere del Consiglio di Stato. Lo ha spiegato il senatore Francesco Giro:

La sentenza del Consiglio di Stato è una bomba ad orologeria che di fatto boccia la delibera. Se da un lato considera legittimo un intervento sui vitalizi attraverso un regolamento ed esclude profili di possibile responsabilità civile, dall'altro lato pone tanti e tali vincoli di natura costituzionale che di fatto boccia una norma onnicomprensiva e massificante come quella escogitata frettolosamente dalla Camera.

La Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, non si è ancora espressa dopo il parere del Consiglio di Stato, ma è lecito ipotizzare che il suo pensiero sia in linea con quello del collega di Forza Italia. Del resto era stata proprio lei a decidere di chiedere l'intervento del Consiglio di Stato invece di seguire l'esempio del Presidente della Camera Roberto Fico e mettersi subito al lavoro per ridurre i privilegi degli ex senatori.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO