Vaccini, la provocazione del medico: "I 5 Stelle mi dicano cosa fare"

Il post di Claudio Puoti: un medico che ha raccontato la situazione drammatica della sua nipotina immunodepressa

vaccination-1215279_1280.jpg

I veri drammi dovrebbero far riflettere seriamente, specialmente se poi li si paragona alle paturnie di un gruppo di cialtroni presuntuosi quali sono i "no-vax". Claudio Puoti è il nonno di una bambina di 6 anni immunodepressa perché costretta a sottoporsi a chemioterapia a causa di una rarissima forma di cancro ovarico. Questa bambina sfortunata, la sua nipotina, avrebbe bisogno di frequentare ambienti il più possibile salubri. Il suo sistema immunitario in questo momento è debole e per questo sussiste la necessità di scongiurare il pericolo che possa contrarre qualche malattia.

Quando si affronta una malattia così seria è però importante, nel limite del possibile, continuare a condurre un'esistenza normale. Per questo motivo la nipotina del Signor Claudio a settembre tornerà a scuola, dove potrebbe venire a contatto con qualche bambino figlio di "famiglie no-vax". La garanzia che questo non avvenga? Un'autocertificazione delle famiglie. Questa la scelta politica del Governo, che ha deciso di sposare la causa di un gruppo di acchiappafantasmi piuttosto che tutelare la salute precaria di chi non può esercitare alcun "diritto di scelta".

Claudio Puoti, però, non è solo un nonno preoccupato; è anche un medico. È il Dottor Claudio Puoti, per 15 anni Primario di Medicina Interna che, dall'alto della sua lunga esperienza e conoscenza, non riesce a spiegarsi perché le paure irrazionali stiano prendendo il sopravvento sulla ragione.

Indignato dalle parole di Paola Taverna e da quelle del consigliere regionale Davide Barillari, ha scritto una lettera pubblica attraverso Facebook che è diventata, giustappunto, virale:

Gent.ma On. Sen. Paola Taverna, Preg.mo sig. Consigliere Reg. Lazio Davide Barillari, mi rivolgo a Voi, tra i massimi esperti di immunologia, infettivologia e microbiologia per chiedere alla Vostra preclara competenza un parere scientifico e clinico, dato che io – benché medico internista ed infettivologo con 40 anni di esperienza clinica e di ricerca alle spalle, 15 anni come Primario Medico di Ruolo, tre specializzazioni, due idoneità nazionali a Primario, docente universitario – non sono in grado di assumere una decisione.
Ho una nipotina di appena sei anni (6 anni!) operata tre mesi fa per una rarissima forma di cancro ovarico ed attualmente in chemioterapia. Ha ovviamente la conta dei neutrofili bassissima (data la Vostra specifica e profonda cultura in materia ritengo pleonastico spiegarVi cosa sono i neutrofili e come ci difendono dalle infezioni), ma il problema è che fra meno di un mese dovrebbe rientrare a scuola.
Secondo i ridicoli e squallidi dogmi dell’ OMS, dell’ ISS, della FIMMG, della FNOMCeO, di tutta la comunità scientifica internazionale e via dicendo (peraltro sicuramente al soldo delle multinazionali come Lei, Cons. Barillari, ci ha ben chiarito di recente) ed ai quali io ho scioccamente ed acriticamente creduto per 40 anni, la bimba va considerata un soggetto immunodepresso.
E ora cosa si fa, Gent.ma Sen. Taverna e Preg.mo Cons. Barillari ? Non la mandiamo a scuola, negandole l’ obbligo scolastico ? o la mettiamo in una classe di bimbi vaccinati, isolandola in una condizione “similabile” (pensi Sen. Taverna, ho sempre creduto che si dicesse “assimilabile”) ad un ghetto? e chi mi garantisce che le autocertificazioni siano attendibili? In Italia? ma che, "davero"? Oppure la mando dai “cuggini” con morbillo in atto, così si immunizza prima, secondo le indicazioni scientifiche della Sen. Taverna ? non pensa che durerebbe meno di un gatto in tangenziale ?
Attendo con ansia il Vostro consiglio che sarà sicuramente illuminato, dato che come ci ha illuminato Barillari la politica viene prima della scienza, la quale è asservita al grande capitale mondiale; però mi raccomando la celerità del vostro parere, perché tra poco la bimba dovrà rientrare a scuola.
Però avrei ancora una curiosità : Cons. Barillari, se le Sue posizioni sono davvero così lucide e cristalline, come mai il suo stesso movimento l’ha “cazziata” (come si dice a Roma)?
P.S: ciò che mi stupisce di più è la Ministra Grillo, che essendo mia collega forse dovrebbe ricordare di essere prima un medico e poi un politico.

Gent.ma On. Sen. Paola Taverna, Preg.mo sig. Consigliere Reg. Lazio Davide Barillari, mi rivolgo a Voi, tra i massimi...

Pubblicato da Claudio Puoti su Giovedì 9 agosto 2018
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 107 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO