Papa Francesco sui gay: "Si può provare con la psichiatria" - VIDEO

"Quando l'omosessualità si manifesta da bambino ci sono tante cose che si possono fare con la psichiatria per vedere come sono le cose"

Papa Francesco è reduce da un faticoso viaggio in Irlanda. Faticoso non soltanto per Bergoglio, chiamato in causa a più riprese per le centinaia di casi di abusi sessuali registrati nel corso degli ultimi decenni in Irlanda da parte di membri del clero, ma anche per tutta la Chiesa cattolica che ne esce ammaccata. Le richieste di perdono, infatti, non cancelleranno quello che decine e decine di minorenni sono stati costretti a subire. Ma le scuse, per ora, è tutto quello che le vittime avranno da parte della Santa Sede.

Il viaggio di ritorno in Italia, però, è stato caratterizzato da un altro passo falso di Papa Francesco, che durante conferenza stampa coi giornalisti ha deciso di affrontare il delicato tema dell'omosessualità. Delicato per la Chiesa cattolica, s'intende, che ancora oggi vieta alle persone omosessuali di entrare in seminario, negando qualcosa che esiste da sempre. E, rispondendo alla domanda del giornalista Javier Romero, è stato lo stesso Papa Francesco a ricordarlo:

Sempre ci sono stati gli omosessuali e le persone con tendenze omosessuali. Sempre. Dicono i sociologi, ma non so se sia vero, che nei tempi di cambiamenti d'epoca crescono alcuni fenomeni sociali ed etici, e uno di questi sarebbe questo. Questa è l’opinione di alcuni sociologi. La tua domanda è chiara: cosa direi io a un papà che vede che suo figlio o sua figlia ha quella tendenza. Io gli direi anzitutto di pregare: prega.

Davanti a un figlio omosessuale, secondo Papa Francesco, un genitore deve mettersi a pregare. E non parla di una condizione naturale, ma addirittura di una "inquietudine". È vero, Bergoglio dice anche che non bisogna condannare e che un genitore deve "dialogare, capire, fare spazio al figlio o alla figlia. Fare spazio perché si esprima" - è pur sempre il rappresentante di una istituzione antica e per nulla al passo coi tempi, non potevamo aspettarci aperture di alcun genere - ma la frase che segue può essere considerata pericolosa:

In quale età si manifesta questa inquietudine del figlio? È importante. Una cosa è quando si manifesta da bambino, quando ci sono tante cose che si possono fare con la psichiatria per vedere come sono le cose; un’altra cosa è quando si manifesta dopo i 20 anni o cose del genere. Ma io mai dirò che il silenzio è il rimedio: ignorare il figlio o la figlia con tendenza omosessuale è una mancanza di paternità e maternità. Tu sei mio figlio, tu sei mia figlia, così come sei; io sono tuo padre e tua madre, parliamo. E se voi, padre e madre, non ve la cavate, chiedete aiuto, ma sempre nel dialogo, sempre nel dialogo. Perché quel figlio e quella figlia hanno diritto a una famiglia e la famiglia è questa che c’è: non cacciarlo via dalla famiglia. Questa è una sfida seria alla paternità e alla maternità.

Papa Francesco ha davvero parlato di psichiatria in relazione alla presa di coscienza di un bambino o di una bambina della propria omosessualità. Non ha parlato di psicologia, ma proprio di psichiatria, che per definizione si occupa "della prevenzione, della cura e della riabilitazione dei disturbi mentali".

L'omosessualità, in Italia e in gran parte del resto del Mondo, non è considerata una malattia ormai da decenni e l'Ordine nazionale degli psicologi ha dichiarato da tempo contrarie al proprio Codice Deontologico qualsiasi terapia di conversione atta a "curare" le persone omosessuali. E l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha rimosso l'omosessualità dall'elenco delle malattie mentali nel 1990, ben 18 anni fa.

La chiusura mentale dell'istituzione religiosa di cui Papa Francesco è a capo, però, sembra aver fatto dimenticare questo storico traguardo. La Santa Sede si è subito resa conto del messaggio che è arrivato dalle parole di Papa Francesco e ha rimosso ogni riferimento a quella frase dalla trascrizione pubblicata sul sito del Vaticano, ma il video ufficiale della conferenza stampa è ancora disponibile nella sua interezza - potete ascoltarla nel video in apertura - inclusa proprio quella frase che le associazioni LGBT italiane e non solo, giustamente, stanno attaccando con veemenza.

Nel 2018, specie da parte di una figura importante come quella del Papa, l'accostamento tra omosessualità e psichiatria è inaccettabile. La Chiesa Cattolica ha già fatto danni enormi e una frase del genere può davvero essere dannosa e pericolosa.

Papa Francesco migranti

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO