Migranti, ex prefetto di Padova: "Ne abbiamo fatte di porcherie". Salvini: "Responsabilità del Pd"

Patrizia Impresa è ora Vicecapo di Gabinetto per l’espletamento delle funzioni vicarie del Ministero dell’Interno.

Migranti Padova

18.35 - Il caso è montato in pochissime ore e, come ci si poteva aspettare, è arrivata la precisazione della diretta interessata. L'ex prefetto di Padova Patrizia Impresa, finita al centro di un polverone dopo la pubblicazione sulla Gazzetta di Padova degli stralci di un'intercettazione che l'ha vista protagonista, ha fatto sapere di essere amareggiata per quanto accaduto.

Quelle frasi, spiega la nota diffusa questo pomeriggio, sarebbero state estrapolate e completamente decontestualizzate:

Sono amareggiata, ma assolutamente certa della correttezza dei miei comportamenti. Quelle frasi fanno parte di un carteggio di centinaia di pagine ampiamente esaminato dall'autorità giudiziaria.

17.00 - Sul Mattino di Padova è stata pubblicata oggi una conversazione avvenuta il 14 aprile 2017 in cui l'ex prefetto Patrizia Impresa, parlando con Pasquale Aversa, che era vice prefetto vicario ed era delegato a occuparsi dell'accoglienza dei migranti, diceva:

"È vero che ne abbiamo fatte di porcherie, però quando le potevamo fare"

In un'altra conversazione relativa invece a un problema di sovraffollamento del centro di San Siro di Bagnoli nell'ottobre 2016, Impresa avrebbe detto ad Aversa:

"Anche se dobbiamo fare schifezze Pasquà... eh eh... no... schifezze... noi ci dobbiamo salvare Pasquà... perché, ti ripeto, non possiamo farci cadere una croce che..."

Le intercettazioni sono state fatte dai carabinieri nell'ambito di indagini relative alla cooperativa Ecofficina Educational poi Edeco che, grazie all'accoglienza dei migranti, ha visto aumentare il proprio fatturato negli ultimi quattro anni. Si tratta di un scoop che gestisce anche i Cpt di Bagnoli e Cona.

Proprio Edeco in una intercettazione sottolineava ai funzionari prefettizi la necessità di far quadrare i conti.

L'ex prefetto Patrizia Impresa non risulta al momento indagata e dal 13 febbraio 2017 è Vicecapo di Gabinetto per l’espletamento delle funzioni vicarie del Ministero dell’Interno. Sono invece indagati la funzionaria della Prefettura Tiziana Quintario, attualmente a Bologna, Pasquale Aversa e i capi della Edeco, Simone Borile, Sara Felpatti e Gaetano Battocchio.

Forza Italia ha subito chiesto all'attuale ministro dell'Interno Matteo Salvini di rimuovere Patrizia Impresa dal suo incarico. Salvini al momento non ha ancora preso una decisione, ma ha sottolineato come la responsabilità politica di questa situazione sia del Pd, infatti ha detto:

"Il governo di centrosinistra negava l'emergenza sbarchi, ma poi scaricava il problema sui prefetti e li costringeva a spostare i clandestini da un Comune all'altro - come nel gioco delle tre carte - per non irritare sindaci del Pd, ministri in visita o presidenti Anci del Pd. È il quadro vergognoso che emerge dall'inchiesta di Padova. Io, invece, voglio bloccare gli sbarchi e mi prendo tutte le responsabilità delle mie scelte. Se qualche funzionario ha sbagliato è giusto che paghi. Ma chi sono i mandanti politici di tutto questo?"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO