Vitalizi, Boeri al Senato: "Costano 200 milioni"

Il presidente dell’Inps ascoltato dal consiglio di presidenza

senato boeri vitalizi

Tito Boeri, presidente dell’Inps ascoltato oggi dal consiglio di presidenza del Senato, ha fornito i numeri ufficiali sui vitalizi dei parlamentari italiani: attualmente ne vengono erogati circa 2.700 che costano qualcosa come 200 milioni di euro. Se la delibera sul taglio fosse applicata anche a Palazzo Madama, dichiara il numero uno dell’Inps, le casse dello stato potrebbero risparmiare qualcosa come 16 milioni. "Nonostante questa audizione fosse stata prevista da mesi - ammonisce - , non ci è stato concesso di accedere a informazioni sulle carriere contributive e sulle prestazioni in pagamento". Dunque, la cifra di 200 milioni è anche "una sottostima, perché ottenuta applicando le regole ai soli anni di servizio presso il Parlamento italiano. Sono stati esclusi eventuali anni di servizio presso il Parlamento europeo o Consigli regionali".

L’attuale sistema dei vitalizi dei parlamentari italiani, sottolinea ancora Boeri, così come è congeniato, non è sostenibile: "Le regole dei vitalizi sono state sin dall'origine, introdotte dal Parlamento in regime di autodichia senza contemplare una valutazione di giudici esterni. Tale autonomia - prosegue Boeri - è stata consapevolmente utilizzata per mettere in piedi un sistema insostenibile destinato a gravare in modo rilevante sui cittadini in aggiunta alla spesa destinata al pagamento delle indennità parlamentari".

Tradotto in soldoni, è stato messo in piedi un sistema per il quale i politici italiani vanno a percepire più di quanto hanno versato: "Era chiaro fin dall'inizio che i contributi versati non sarebbero stati sufficienti a coprire le spese per vitalizi", conclude Tito Boeri.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO