Offese al Capo dello Stato: Bossi ai servizi sociali per evitare il carcere. Si procede contro Grillo e Salvini

Bossi&company: quelli delle offese, accertate o presunte, al Presidente della Repubblica

bossi e salvini vilipendio capo dello stato

Il ministro della giustizia in quota 5 Stelle Alfonso Bonafede ci tiene a far sapere di aver dato l'autorizzazione a procedere per offese al Capo dello Stato nei confronti dei suoi amici e compagni di partito Beppe Grillo e Pierluigi Di Battista oltreché per l’alleato di governo Matteo Salvini.

Per "evitare ogni forma di strumentalizzazione o illazione" - dice Bonafede - "vi comunico che fra le persone per cui ho firmato, per presunte offese al capo dello Stato (nove in tutto Ndr) ci sono: il padre fondatore e garante del MoVimento, Beppe Grillo, il mio collega e amico, Carlo Sibilia, il padre del mio amico fraterno Alessandro Di Battista e il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, accusato di vilipendio delle istituzioni costituzionali".

Al di là delle "possibili strumentalizzazioni" il ministro non avrebbe potuto fare altrimenti, come lui stesso poco dopo spiega annunciando l’autorizzazione a procedere via Facebook: "Diverse procure italiane hanno chiesto al Guardasigilli di poter avviare alcuni procedimenti per i reati di vilipendio. Erano fascicoli che stavano lì da tanto, alcuni erano sulla scrivania del ministro dal 2014. La legge infatti prevede che il ministro della Giustizia dia la sua autorizzazione per questo tipo di reati".

Il "terun" di Bossi a Napolitano

E a proposito di offese alle Istituzioni, al Presidente della Repubblica, l’ex leader e fondatore della Lega Umberto Bossi dopo la condanna definitiva per vilipendio al Capo dello Stato ha chiesto di scontare la sua pena di un anno e 15 giorni ai servizi sociali, per evitare la reclusione.

La condanna è relativa a un intervento pubblico del 2011 del Senatùr: "Mandiamo un saluto al presidente della Repubblica. Napolitano, Napolitano, nomen omen, non sapevo fosse un terun" disse Bossi riferendosi all'allora Capo dello Stato Giorgio Napolitano, mimando nel frattempo il gesto delle corna con la mano. Oggi l'avvocato di Bossi dovrebbe depositare la richiesta di affidamento in prova ai servizi sociali.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 49 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO