Fondi Lega, la Cassazione: "Confermare il sequestro dei 49 milioni"

Corte di Cassazione

10 novembre 2018 - La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dai legali della Lega e confermato la sentenza del 5 settembre scorso sul sequestro preventivo: l'accordo sulla rateizzazione, in definitiva, può continuare, così come si potrà procedere al sequestro di nuovi fondi che verranno rinvenuti nel corso degli anni.

Fondi Lega, il gip alla Cassazione: "Confermare il sequestro dei 49 milioni"

Il ricorso presentato dal leader della Lega Matteo Salvini contro l'ordinanza del Tribunale del Riesame di Genova del 5 settembre scorso sul sequestro degli ormai famosi fondi della Lega deve essere respinto. È quanto richiesto in queste ore dal sostituto procuratore generale Marco Dall'Olio, chiedendo di fatto alla Corte di Cassazione di confermare il sequestro preventivo fino al recupero di quei 49 milioni di euro fatti sparire dalle casse del partito negli anni di Umberto Bossi e Franco Belsito.

A rendere noto la richieste del gip sono stati i legali della Lega, secondo i quali Marco Dall'Olio, nella sua requisitoria, ha definito corretta la decisione del Tribunale del Riesame sulla base delle indicazioni sulla Corte Suprema.

Secondo il sostituto procuratore generale, quindi, lo Stato Italiano deve congelare i conti della Lega, anche sotto la nuova gestione, fino a quando lo Stato non sarà rientrato dei circa 47,5 milioni di euro che la Lega deve restituire, dopo aver già recuperato 1,5 milioni di euro.

La decisione finale dei giudici della Corte di Cassazione dovrebbe arrivare nelle prossime ore, tra stasera e domani, sabato 10 novembre 2018.

Foto | iStock

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO