Renzi: "M5S attacca sempre me, solo me, comunque me. Di Maio bugiardo e prestanome"

L'ex Premier: "Stavolta sono andati oltre il ridicolo".

Matteo Renzi contro Di Maio e M5S

Matteo Renzi, ex Premier ed ex segretario del PD, ieri è stato protagonista di un lungo sfogo sui social network contro il MoVimento 5 Stelle e in particolare contro Luigi Di Maio, attuale vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico.

Renzi ha esordito su Facebook scrivendo:

"Il Movimento 5 Stelle tanto per cambiare attacca me, anche dopo la vicenda del signor Di Maio. Attaccano sempre me, solo me, comunque me. Qualsiasi cosa accada la risposta è: "Sì, però Renzi..."
Stavolta sono andati oltre il ridicolo. Tocca rispondere"

E ha cominciato un elenco di tre punti, tutti intitolati "scopri le differenze", espressione che aveva usato anche nei giorni precedenti. Prima di tutto è tornato sul caso dei "padri": da Tiziano Renzi ad Antonio Di Maio, ecco secondo lui quali sono state le differenze:

"Scopri le differenze - 1
Se vogliamo parlare dei padri, quando sono arrivate le accuse di lavoro nero Di Maio senior ha confessato, mio padre ha querelato per diffamazione. Che poi questo non mi sembra un gran periodo per chi scrive falsità su mio padre, come ben sa Marco Travaglio"

Poi è passato a parlare dei figli, ossia dello stesso Luigi Di Maio, sottolineando la differenza tra giustizia e giustizialismo:

"Scopri le differenze - 2
Se vogliamo parlare dei figli, Gigino di Maio ha fatto tutta la sua carriera spargendo false verità e vero fango sui padri degli altri, io ho sempre detto che la giustizia è una cosa diversa dal giustizialismo. E lo dico anche oggi davanti agli abusi edilizi, ai condoni, ai lavoratori in nero, ai reati ambientali: giustizia, non giustizialismo"

Infine ha parlato del Paese e delle differenze nei numeri che riguardano la disoccupazione, il PIL e lo spread tra i governi PD con Letta, Renzi e Gentiloni, e il governo giallo-verde:

"Scopri le differenze - 3
Se vogliamo parlare del Paese, con Di Maio al ministero cresce la disoccupazione, sale lo spread e crolla il PIL. Con noi al Governo l'Italia ha recuperato più di un milione di posti di lavoro, quattro punti di PIL in quattro anni e lo spread era a 100"

Ha concluso con un luogo comune che però torna sempre utile in questi casi:

"Il tempo è galantuomo.
Ma adesso, possibilmente, torniamo a parlare di politica?"

Su Twitter ha condiviso lo screenshot di quanto aveva scritto su Facebook, ma ha aggiunto:

"Luigi Di Maio, per gli amici il Prestanome, prova ad attaccare me, tanto per cambiare. Scopri le differenze"

e, oltre all'hashtag #Prestanome ha usato anche quello ancor più esplicito #DiMaioBugiardo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO