Caso Regeni, la Procura di Roma indaga 5 agenti egiziani

Giulio Regeni

La Procura di Roma ha confermato le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi e ufficializzato l'iscrizione di 5 persone nel registro degli indagati per la morte di Giulio Regeni, il giovane ricercatore italiano sequestrato, torturato e ucciso al Cairo all'inizio del 2016.

Si tratta di cinque cittadini egiziani, alti ufficiali dei servizi segreti e della polizia investigativa del Cairo: il generale Sabir Tareq, il maggiore Magdi Sharif, i colonnelli Usham Helmy e Ather Kamal e l'agente Mhamoud Najem.

I cinque, secondo quando ricostruito dal procuratore capo Giuseppe Pignatone e dal sostituto procuratore Sergio Colaiocco, avrebbero avuto un ruolo nel sequestro di Giulio Regeni. I nomi dei cinque ufficiali erano già inclusi nell'informativa firmata lo scorso anno dagli agenti del Raggruppamento operativo speciale (Ros) e quelli del Servizio centrale operativo (Sco).

Gli indagati sarebbero stati coinvolti nell'attività di sorveglianza di Regeni, accertata dalla Procura di Roma almeno fino al 25 gennaio 2016, il giorno del rapimento del giovane.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO