Toninelli: "Mai bloccato grandi opere. Unica eccezione la Tav"

"Sulle trivelle i vari Renzi e quant'altri sono vergognosi per quello che han fatto"

Danilo Toninelli è stato ospite di 'Dataroom', su Corriere Tv, intervistato da Milena Gabanelli. Ovviamente si è parlato di grandi opere, sulle quali il governo giallo-verde ha deciso di intervenire con le sue nuove valutazioni costi-benefici. Molti imputano a questo governo la volontà di voler bloccare tutte le grandi opere, indispensabili per il progresso del Paese.

Toninelli ha rifiutato questa etichetta: "Il sottoscritto, il M5s e il Governo tutto non ha mai bloccato alcuna opera. Un esempio è il Terzo Valico dei Giovi, un'opera che parte da Genova e che non è mai stata bloccata: infatti dopo l'analisi costi-benefici, che è stata fatta in pochi mesi, l'abbiamo fatto, anzi lo faremo meglio. Prendo un caso, quello del Terzo Valico dei Giovi, che non è mai stato bloccato. L’analisi costi-benefici l’abbiamo fatta in pochi mesi e si è conclusa positivamente, l’opera la faremo meglio di come era stata progettata all’inizio. Non c’è stato nessun blocco, nessuna impresa è stata danneggiata e nessun lavoratore ha perso il posto. I costi del blocco sarebbero stati superiori a quelli della prosecuzione, da parte nostra non c’era nessun pregiudizio politico, ma sono convinto che se fossimo stati al governo quando l’opera è stata progettata sarebbe costata molto di meno dei 6,2 miliardi di euro attuali. Noi portiamo avanti su questa e su altre opere il principio del corretto utilizzo delle risorse pubbliche"

L'unica vera eccezione in tal senso è rappresentata dal Tav Torino-Lione: "Non stiamo fermando o bloccando opere. L'unica che stiamo congelando è il Tav Torino-Lione, anche perché è un'opera che costa più di 20 miliardi. Nei prossimi giorni arriverà l'analisi costi-benefici e chiuderemo anche questo dossier. Tutti gli altri stanno andando avanti".

Discorso diverso, invece, per quanto riguarda il tunnel del Brennero. Secondo Toninelli "non si può chiudere, ma bisogna farlo meglio". Si tratta di un'opera che in realtà è stata ampiamente contestata dal Movimento in passato, che fa ancora storcere il naso ad alcuni esponenti di spicco come Fraccaro, che solo pochi mesi fa aveva detto che quei lavori andavano bloccati: "Fraccaro fa benissimo a contestare un’opera che non è stata condivisa con i territori e che poteva essere meno cara".

Sul 'caso Trivelle' Toninelli ha invece rispolverato le promesse fatte in campagna elettorale: "Sulle trivelle i vari Renzi e quant'altri sono vergognosi per quello che han fatto. Noi quelle autorizzazioni non le daremo. Perché trivellare per cercare fossili significa tornare al Medioevo e noi abbiamo scritto nel contratto di programma cose diverse. Ora viene la parte politica con il ministro Costa e vedrete di che pasta siamo fatti".

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO