Toninelli: "Tav da ridiscutere, lo dice il contratto di governo"

toninelli tav

La questione legata al Tav continua ad agitare le acque della maggioranza al pari delle trivelle. Lega e Movimento 5 Stelle si stanno confrontando senza risparmiarsi colpi bassi. L’ultima uscita in ordine di tempo arriva dal ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, che stamane è stato ospite della trasmissione Agorà, su Rai 3. Nel contratto di governo, sottolinea subito il titolare del dicastero delle Infrastrutture, c’è scritto chiaramente di "ridiscutere integralmente l'opera, quello che stiamo facendo per la prima volta con consapevolmente". Insomma, quella in atto sarebbe una normalissima riflessione all’interno di una maggioranza composta da due partiti che hanno posizioni diverse, ma devono trovare una sintesi "perché non voglio far spendere ai cittadini soldi che potrebbero essere spesi meglio", aggiunge Toninelli.

Dopo il no al TAV da parte dei tecnici che hanno redatto l’analisi dei costi e dei benefici dell’opera, governo Conte hanno ereditato una patata molto bollente dagli esecutivi precedenti: "A fine gennaio arriverà il parere definitivo, dopo con la risposta di Bruxelles", ha concluso il ministro del M5S. La posizione della Lega, intanto, viene ribadita dal vicepremier nonché ministro dell’Interno, Matteo Salvini: "Il no al progetto o è ben motivato o chiediamo un parere agli italiani". Il Carroccio sposa in sostanza l’ipotesi di referendum avanzata dal governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino (PD).

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO