Naufragi migranti. Il Papa: "Dolore nel cuore". Di Maio: "Basta ipocrisie"

papa francesco migranti

Dopo i due naufragi nel Mediterraneo costati la vita a 170 persone, tra cui donne e bambini, stamattina il Papa al termine dell'Angelus ha detto di avere "due dolori nel cuore, la Colombia e il Mediterraneo".

Francesco è tornato a parlare del dramma dei migranti rivolgendo il suo pensiero alle "170 vittime del naufragio nel Mediterraneo che cercavano un futuro per la loro vita, vittime forse di trafficanti. Preghiamo per loro e per coloro che hanno responsabilità per quello che è successo".

Il Papa ha poi ricordato "il grave attacco di giovedì alla Scuola di polizia in Colombia" che ha provocato 21 morti e 70 feriti: "Prego per le vittime, per i familiari e per il cammino di pace in Colombia".

Casellati: "No a Mediterraneo fossa comune"

E stamattina dopo il dolore espresso ieri dal presidente della Repubblica e da quello del Consiglio per le vittime del mare anche la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati ha detto che non ci si può rassegnare a un Mediterraneo diventato ormai fossa comune per tanti disperati che fuggono da guerra e violenze: "Il Mediterraneo deve essere un mare di pace, non una fossa comune".

Salvini e Di Maio "allineati"

Molto meno istituzionale, ma non è una novità, la posizione di Matteo Salvini. Il leader della Lega ieri ha detto che i cuori resteranno aperti (per chi?) ma i porti chiusi, mentre Di Maio - giusto per non rimanere troppo indietro rispetto all’alleato - oggi ha tuonato contro l'ipocrisia sui migranti.

Sui morti in mare il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico vede versare "molte lacrime di coccodrillo. Saremmo degli ipocriti se continuassimo soltanto a parlare degli effetti senza cercare anche le cause".

Quali sono le cause secondo Di Maio? I migranti partono "perché alcuni Paesi Ue, con in testa la Francia, non hanno mai smesso di colonizzare l’Africa. Macron prima ci fa la morale e poi continua a finanziare il debito pubblico con i soldi con cui sfrutta i Paesi africani. L'Ue dovrebbe sanzionare" chi "sta impoverendo questi posti".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO