Davos, Fmi: "Italia minaccia globale". Salvini: "Unica minaccia le previsioni errate"

davos salvini fmi minaccia economia globale

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha tagliato allo 0,6% le previsioni di crescita per l'Italia nel 2019, dall’1% di ottobre, spiegando, nell’ambito del Forum economico mondiale di Davos, che la situazione finanziaria del Belpaese e la Brexit sono tra i principali fattori di rischio globali.

Secondo gli esperti: "In Europa continua la suspence su Brexit, e il costoso intreccio fra rischi sovrani e rischi finanziari in Italia rimane una minaccia". Il Fondo monetario internazionale ha anche ritoccato al ribasso la crescita mondiale, al 3,5%, dal precedente 3,7%.

Nell’aggiornamento del World Economic Outlook si parla del "costoso intreccio tra rischi sovrani e rischi finanziari in Italia" una minaccia da cui correre ai ripari. Oltre al nostro paese anche la Germania ha contribuito alla frenata del Pil in Europa di fine 2018, facendo rivedere al ribasso le stime di crescita di tutta l'Eurozona, per un calo della moneta unica del 2% tra ottobre e gennaio.

In ogni caso secondo il direttore del Fondo Monetario internazionale Christine Lagarde anche se per il 2019 e il 2020 la crescita globale frenerà (nel 2020 al 3,6% dal previsto 3,7%) questo non significa che una recessione globale sia vicina.

Per Matteo Salvini invece l'unica vera minaccia sono le previsioni errate del Fondo monetario: "Italia minaccia e rischio per l'economia globale? Piuttosto è il Fmi che è una minaccia per l'economia mondiale, una storia di ricette economiche coronata da previsioni errate, pochi successi e molti disastri" ha commentato il ministro dell'Interno.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO