Tensione Italia-Francia, la ministra Loiseau: "Non giochiamo a chi è più stupido"

Nathalie Loiseau

Non accenna a placarsi la tensione tra l'Italia e la Francia dopo le dichiarazioni dei due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Se ieri sera la ministra francese per gli Affari europei Nathalie Loiseau aveva sottolineato come le parole del leader della Lega fossero un insulto per i cittadini francesi, oggi è tornata sull'argomento al termine del Consiglio dei Ministri.

A chi chiedeva se la Francia sta valutando possibili azioni nei confronti dell'Italia, Loiseau ha giocato la carta della superiorità:

In Francia si dice che tutto ciò che è eccessivo è insignificante. Quando le dichiarazioni diventano eccessive per toni e quantità, diventano dunque insignificanti.

La Ministra si è giustamente chiesta come questi attacchi al governo francese e ai cittadini francesi da parte dei vertici dell'esecutivo di Giuseppe Conte possano aiutare i cittadini italiani: "Cosa ci guadagnano gli italiani? Contribuiscono forse al benessere del popolo italiano, che è generalmente l'obiettivo di ogni governo? Non penso".

Gli italiani non ci guadagnano nulla e questi attacchi rischiano soltanto di incrinare i rapporti con un Paese alleato e confinante. Loiseau non sembra voler stare al gioco e, confermando che sono tanti i progetti che aspettano Italia e Francia, anticipa che tornerà in Italia solo quando il clima sarà un po' cambiato:

Non vogliamo giocare al concorso di chi è più stupido. Con l'Italia abbiamo molte cose da fare e vogliamo continuare a farle. Mi recherò in Italia quando il clima si sarà calmato.

Riusciranno Di Maio e Salvini a tenere a freno la lingua o le dita dopo questo intervento? Difficile crederci.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO