Di Maio, la gaffe nella lettera a Le Monde sulla "tradizione democratica millenaria" della Francia

Evidentemente non guardava Lady Oscar da bambino...

Di Maio e la gaffe su tradizione democratica millenaria della Francia

Forse oltre che durante le lezioni sui congiuntivi, a scuola era distratto anche durante quelle sulla storia o forse non guardava Lady Oscar da bambino, oppure pensa che la ghigliottina sia solo il gioco finale de L'Eredità, fatto sta che Luigi Di Maio, vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, oltre ad aver causato una crisi diplomatica con la Francia, ha anche dimostrato non conoscerne affatto la storia.

Questa mattina il capo politico del MoVimento 5 Stelle ha pubblicato sul suo account Facebook il testo in italiano della lettera che ha inviato a Le Monde, un tentativo di dimostrare la sua amicizia nei confronti dei francesi nonostante negli ultimi mesi non faccia che parlarne male. A un certo punto nella lettera si legge:

"La prima cosa che voglio ribadire con forza è che l’Italia e il Governo italiano considerano la Francia un Paese amico e il suo Popolo, con la sua tradizione democratica millenaria, un punto di riferimento nelle conquiste dei dei diritti civili e sociali a livello mondiale"

Di Maio non ha ancora corretto l'errore, d'altronde ormai la frittata è fatta, visto che la lettera è stata pubblicata da Le Monde e resterà impressa nella mente degli italiani e dei francesi, che si sentiranno ancora una volta autorizzati a darci lezioni... se non di economia, almeno di storia!

Non è la prima volta che Di Maio commette errori del genere. Ricordiamo che nel 2016 parlò di Pinochet come se fosse venezuelano (è cileno), ma in quel caso potè modificare il post dopo una ventina di minuti.

Intanto i primi effetti della crisi che ha scatenato si fanno sentire con Air France che sembra intenzionata a tirarsi fuori dalle trattative per salvare Alitalia. Ma Di Maio, ministro delle Sviluppo Economico che dovrebbe occuparsi immediatamente della faccenda, oggi è impegnato nel "Tour" conclusivo della campagna elettorale in Abruzzo a sostegno della candidata del M5S Sara Marcozzi, con cui è stato prima sulla neve a Roccaraso e poi al mare. Quando gli è stata fatta la domanda su Air France oggi è caduto dalle nuvole, evidentemente non lo avevano ancora avvisato dell'articolo de Il Sole 24 Ore.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO