Civati: "Popolo contro élite? In realtà il governo Lega-M5S è in continuità con il passato"

Secondo Pippo Civati le vere decisioni le prende la Lega di Salvini.

Pippo Civati

Ospite di Studio24 su Rainews 24, Pippo Civati, fondatore di Possibile, stamattina, da osservatore esterno (al momento non è parlamentare) ha detto la sua sia sul MoVimento 5 Stelle e il rapporto con la Lega all'interno del governo Conte, sia sul PD, suo ex partito.

Sui pentastellati Civati ha detto:

"I vizi all'interno del M5S sono accentuati dalla presenza di Casaleggio Junior. Creare una segreteria non li renderà un partito vero e proprio. Mi accusarono di versare soldi al mio partito, ma loro fanno peggio perché versano denaro a una società privata. All'interno non c'è alcuna trasparenza né confronto democratico. Non si sa neanche chi siano i dissidenti, perché appena qualcuno fa una critica viene espulso. Stanno perdendo i loro valori di base"

Secondo Civati il M5S sta perdendo i suoi valori ed è succube della Lega che, invece, ha un'esperienza politica molto più solida:

"Il M5S, prima di arrivare in Parlamento, chiedeva più moralità, più attenzione ai rapporti con i cittadini. Quella era la loro parte sana, ma si è persa. La Lega, sfruttando l'onda demagogica, prende i voti. Gli altri fanno i fenomeni mediatici, mentre la Lega ha al suo interno amministratori che qualcosa la sanno fare"

Inoltre Civati sostiene che tutte le decisioni davvero importanti nel governo siano prese da Salvini e continuerà a essere così anche sulla Tav:

"Il M5S ha una finta retorica sui migranti e sulla Tav. Non è vero che c'è una dialettica sulla Tav, i 5 Stelle fanno quello che vuole Salvini. Sono dieci anni che dicono che sono contro Tav, Tap e a favore della chiusura dell'Ilva, ma stanno facendo il contrario. Aspettano le europee e dopo le europee sarà un altro governo o lo stesso con una più forte presenza leghista che detterà la linea"

In sostanza, Civati non nota la discontinuità che il M5S aveva promesso rispetto al passato, proprio perché la Lega, abituata a governare alla vecchia maniera, ha la meglio nel confronto con gli alleati di governo:

"Siamo sicuri che lo scontro popolo vs élite andrà a finire a favore del popolo? Alla fine le decisioni che contano saranno in continuità del passato. Sull'autonomia deciderà il popolo abruzzese o campano o i poteri economici del Nord? Io voglio aspettare, ma temo dagli indizi che la direzione sia quella di una grande continuità con il passato. Chi ha sempre avuto il potere lo mantiene. La vera preoccupazione riguarda la situazione economica"

Civati ha parlato anche del PD e ha detto:

"Nel PD manca una riflessione. Anche da osservatore si fatica a capire quali sono le forze in campo e le prospettive del partito. Quanto sta durando il Congresso?"

Inoltre ritiene che sia stato avventato da parte dei Dem appoggiare tout court il manifesto Siamo Europei di Carlo Calenda, senza fare delle proposte concrete su come superare l'attuale politica europea, che va senza dubbio superata:

"Secondo me il manifesto di Calenda è per ora molto sfumato ed è in continuità con il renzismo. Non si capisce quali sono le proposte per superare l'Europa di oggi. È più interessante il modo di muoversi della destra e del M5S. La sinistra sembra agire come Casini"

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO