Moody's abbassa le stime del Pil italiano e avvisa: "Rischio elezioni anticipate"

moody's pil governo

Anche l’agenzia di rating Moody’s taglia le stime di crescita per l’Italia, prevedendo un Pil non oltre lo 0,5% per il 2019. "Avevamo una previsione dell'1,3% sulla crescita del Pil italiano - fa sapere Kathrin Muehlbronner, lead analyst per l'Italia di Moody's - . Quest'anno sarà sicuramente sotto l'1%, probabilmente un valore tra 0 e 0,5%". Quanto al rating, l’outlook che copre un arco temporale di 12-18 mesi è stabile, ragion per cui non ci sono cambiamenti rispetto alle ultime stime.

C’è però un’altra previsione che non fa dormire sonni tranquilli soprattutto al Movimento 5 Stelle, poiché la lead analyst di Moody’s vede "un significativo rischio di elezioni anticipate, probabilmente dopo le elezioni europee. Difficile dire quale sarà il governo. La situazione è poco chiara e il rischio politico è difficile da 'prezzare'. Potrebbe esserci necessità di una nuova coalizione con una ulteriore incertezza politica". Previsioni che sostanzialmente trovano d’accordo gli ultimi sondaggi politici, secondo i quali la coalizione di centrodestra, che ha vinto le elezioni regionali in Abruzzo, sarebbe in ascesa.

Salvini porta l'Italia ad elezioni anticipate?

Al momento, però, parlare di un cambio di maggioranza di governo è a dir poco prematuro, poiché pur sommando tutti i seggi del centrodestra nelle due Camere non si raggiungerebbe la maggioranza. Tutto, in sostanza, rimane in mano a Matteo Salvini, con la Lega che continua la propria ascesa e che potrebbe decidere, magari proprio dopo le europee di staccare la spina al governo Conte per andare ad elezioni anticipate e fare “all in” con gli altri partiti di centrodestra. Un’eventualità che fin qui lo stesso Salvini ha sempre smentito pubblicamente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO