Diciotti, Salvini rafforzato guarda alle Europee: "No gruppo con M5s". Sondaggi: boom Lega

Matteo Salvini no alleanza m5s europee

Nessun gruppo unico con il Movimento Cinque Stelle alle Europee. A ribadirlo è il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini che, rafforzato dal voto online e poi da quello della Giunta immunità del Senato sul caso Diciotti, stamattina ha parlato a Rtl 102.5 di elezioni europee e alleanze in vista del rinnovo dell’europarlamento.

"Abbiamo già i nostri alleati a livello internazionale" ha chiarito ancora una volta Salvini precisando che tra Lega e M5s "c'è un rapporto saldo perché si basa su un patto, su un contratto firmato nero su bianco... Non saranno inchieste, retroscena e ipotesi strane a far saltare questo governo. E non sarebbe saltato neanche se si fosse andati avanti sul processo".

Tav, cantieri a Alitalia

Il ministro dell’Interno e vicepremier ha parlato anche di Tav e cantieri: "Al di là della diversità di vedute sulla Tav, tutti gli altri cantieri che abbiamo ereditato bloccati anche da 15 anni devono partire entro l’anno". Ieri il numero uno di Confindustria Vincenzo Boccia aveva sollecitato il governo in questo senso, a commento della caduta libera del fatturato dell’industria ("bisogna aprire subito i cantieri").

Capitolo Alitalia. Salvini dice che non vuole "una compagnia di bandiera venduta o svenduta a compagnie estere che poi ovviamente farebbero gli interessi dei loro paesi" in merito all'ipotesi che la partecipazione statale in Alitalia possa arrivare al 51%.

Sondaggi elezioni europee, boom di Lega e sovranisti

La Lega di Salvini è in corsa per diventare il partito con più parlamentari a Strasburgo secondo il primo sondaggio pubblicato dall'Europarlamento due giorni fa, per dati raccolti il 6 febbraio. Euroscettici e sovranisti volano: sondaggi alla mano se la Lega è data al 32,4%, per 27 seggi (da 5), il M5S è dato al 25,7%, per 22 seggi e, ad oggi, senza un gruppo europeo in cui accasarsi.

Secondo questi sondaggi per le elezioni europee la Lega e i suoi alleati (153 i seggi che otterrebbero i sovranisti) potrebbero arrivare a formare il secondo gruppo del parlamento Ue dietro il Ppe, superando i socialisti. Chiudere a una alleanza Cinque Stelle-Carroccio non significa comunque necessariamente negare al M5s la possibilità di una alleanza post elettorale con i sovranisti. Ma in quel caso cosa succederebbe? Potrebbero dare man forte a una eventuale maggioranza di una coalizione Ppe-nazionalisti? Un’ipotesi che molti osservatori giudicano pericolosa per le stesse istituzioni europee.

"Nessuna patrimoniale o manovra bis"

Salvini è poi intervento ad Agora su Rai 3 assicurando che "non ci sarà una manovra aggiuntiva, non ci saranno nuove tasse, non ci sarà la patrimoniale, non ci saranno tasse sui conti correnti o sulla casa. Stiamo lavorando per questo". In tema di fisco invece il governo è al lavoro per "una revisione delle aliquote Irpef, ad esempio quella del 23% che riguarda milioni di italiani per abbassarla fino al 20".

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO