Letta: "Se il Governo cade bisogna andare al voto"

L'ex Premier ha parlato degli attuali equilibri politici ad Agorà, programma in onda su Rai 3 e condotto da Serena Bortone

L'ex Premier Enrico Letta questa mattina è stato ospite di Agorà, programma di approfondimento di Rai 3. Nel 2014 Letta ruppe con il Partito Democratico, in modo particolare con Matteo Renzi che chiese e ottenne le sue dimissioni per andare a ricoprire la sua carica. Il 24 luglio dell'anno seguente decise anche di dimettersi da Deputato dopo l'approvazione dell'Italicum, "la legge elettorale migliore del mondo" secondo Matteo Renzi, la cui incostituzionalità venne poi sancita dalla Consulta. Contemporaneamente Letta riconsegnò anche la sua tessera di partito, per volare poi in Francia, dove è diventato docente universitario.

Da osservatore privilegiato, Letta ha parlato dell'attuale situazione politica, in modo particolare dell'impatto che sta avendo l'operato del Governo sul consenso del Movimento 5 Stelle: "La mia impressione è che questo Parlamento è già lontanissimo dal sentimento popolare. La Lega è il doppio di quello che ha in questo Parlamento, i 5 Stelle si è già visto quanto stiano scendendo, il centro-sinistra sta totalmente cambiando, con il congresso che sta facendo il Pd, i suoi equilibri. I suoi parlamentari erano stati tutti scelti in gran parte da Renzi, adesso mi sembra che il Pd vada in tutt'altra direzione".

Secondo Letta, il M5S sta pagando l'alleanza con Salvini, che ha comportato anche la scelta di votare contro l'autorizzazione a procedere: "Il M5s ha deciso di rompere con il suo Dna e cioè ha deciso su Salvini di dire sostanzialmente che avevano ragione quelli di prima che dicevano che un ministro è al di sopra della legge".

Per Letta all'orizzonte non ci sono rimpasti, ma solo le urne: "Io credo che se cadesse questo governo bisognerebbe andare al voto. Perché il voto sancirebbe una situazione che nel Paese è diversa da quella del 4 marzo".

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO