Primarie PD, Zingaretti: "Il Partito dato per finito troppo presto. Vinceremo le Europee"

"Comunque vada un grazie immenso per la grande partecipazione".

Nicola Zingaretti con t-shirt di Marvel Iron Fist alle primarie PD

Nicola Zingaretti questa mattina ha votato al gazebo di piazza Mazzini a Roma per le primarie del PD che lo vedono favorito per il ruolo di nuovo segretario e intanto ha ricevuto la notizia di essere stato il preferito dagli italiani che risiedono in Australia: lì, infatti, ha ottenuto 156 voti, ossia il 64,4%, contro le 86 preferenze per Maurizio Martina (il 35,5%).

Il governatore del Lazio su Facebook ha scritto:

"In questa straordinaria giornata di partecipazione ho appena votato! E tu hai già votato? Scriviamo insieme una pagina nuova. Mettiamocela tutta, non vi deluderò!
P.S. Come dice Marvel's Iron Fist: se c'è qualcosa per cui vale la pena combattere, ti alzi e combatti. Per questo sono in piedi!"

E infatti sotto il maglione, che poi ha tolto, indossava una t-shirt con la scritta "If something is worth fighting for, you stand and you fight. So, I'm standing", citazione del comic della Marvel.

Ai giornalisti che gli chiedevano se fosse stupito di vedere tanta gente al gazebo per votare, Zingaretti ha risposto:

"Di questa fila non sono stupito, sono felice. Avevo chiesto fiducia e passione e mi sembra che ci sia una risposta straordinaria, veramente straordinaria in tutta Italia. Si può ricostruire una bellissima rivoluzione democratica al servizio dell'Italia. Ha dato dei segnali inequivocabili, ha portato al governo un governo sul quale c'erano grandi aspettative. Io credo che sia il tempo di ricostruire e di cambiare. Quello che serviva era proprio questa immensa passione degli italiani. Con troppa facilità si era fatto sul simbolo del PD da parte di troppi il segno rosso della fine, in troppi avevano dato per finito il PD, io non ci ho mai creduto. Anzi, un anno fa, proprio di fronte a problemi immensi, mi sono buttato nella mischia per dimostrare che sì, il Partito Democratico doveva cambiare, ma era l'unica grande risorsa italiana per aiutare la democrazia a uscire da questo buco nero nel quale è precipitata. Non c'è nessuna altra forza politica che può mettere insieme quanto di ricco c'è in questo Paese. Ieri a Milano c'è stato un altro meraviglioso memento e segnale di come le persone vogliono combattere per il futuro e per il proprio destino, ma non contro gli altri o odiando qualcuno. E invece questo governo come unica ricetta ai problemi degli italiani offre l'odio"

Poi ha aggiunto, in ottica elezioni Europee:

"Bisogna vincere le Europee e le vinceremo perché arriveremo bene, io credo che c'è uno spirito nuovo che ci manderà alle Europee. Il vero drammatico problema di questo Paese è che dopo nove mesi di governo gialloverde crolla il lavoro, la produzione industriale, crolla il fatturato delle aziende, sale lo spread e il costo del denaro, non c'è un elemento di macroeconomia positivo, le lancette dell'orologio si sono spostate indietro di 7-10 anni. Il problema dell'Italia è questo"

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO