Consiglio dei Ministri scioglie Azienda Sanitaria di Reggio Calabria: infiltrazioni della 'ndrangheta

azienda sanitaria reggio calabria

Il Consiglio dei Ministri ha disposto lo scioglimento dell'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria per infiltrazioni della 'ndrangheta. La gestione dell’Asp è stata ora affidata ad una commissione straordinaria. La decisione del Cdm è giunta in seguito alla proposta del prefetto di Reggio Calabria, Michele Di Bari, che aveva disposto nei mesi scorsi l’accesso antimafia. Nelle settimane passate, le criticità dell’Azienda sanitaria di Reggio Calabria era finita al centro di alcune inchieste giornalistiche firmate dalla trasmissione de Le Iene.

Oltre allo stato di degrado di alcuni ospedali, i servizi della trasmissione Mediaset avevano evidenziato la mancanza di un bilancio dell’Asp ormai da diversi anni, con l’affidamento diretto e senza gare d’appalto di importanti lavori.

"Nelle more del perfezionamento della procedura di scioglimento - si legge nel comunicato ufficiale della Prefettura di Reggio Calabria - , con la firma del Presidente della Repubblica, il Prefetto, Michele di Bari, con proprio provvedimento, ha disposto la sospensione dell'organo di Direzione generale dell'Azienda sanitaria provinciale, ai sensi dell'art. 143, comma 12 del decreto legislativo 18 agosto 267, ed ha incaricato della gestione provvisoria dell'ente la Commissione straordinaria composta dal prefetto Giovanni Meloni e dai dirigenti del ministero dell'Interno Maria Carolina Ippolito e Domenico Giordano".

Grillo: "In Calabria quadro disastroso"

Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha parlato dello scioglimento dell’Asp di Reggio Calabria mentre si stava recando a Palazzo Chigi per incontrare il presidente Giuseppe Conte. "Il quadro in Calabria è veramente allarmante - le parole del ministro riportate dall’Ansa - e penso che il decreto per la Calabria in questo momento sia una delle cose più urgenti che il Consiglio dei Ministri dovrà approvare; sto andando a parlare col premier Conte proprio di questo". L’Asp di Reggio Calabria non presenta un bilancio da diversi anni, ma non è la sola azienda sanitaria e ospedaliera della regione a versare in condizioni economiche disastrate. "Con i miei commissari - prosegue la Grillo - arrivo a valutare anche una situazione di disastro economico mostruoso. Parlo di disastro economico mostruoso, perché tutte le aziende sanitarie e ospedaliere hanno chiuso i bilanci in negativo per decine di milioni di euro", conclude a margine della presentazione del rapporto sullo stato di attuazione della legge per la terapia del dolore al Parlamento.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO