Senato: maggioranza appesa ad un filo in caso di nuove espulsioni dal M5S

senato maggioranza

La maggioranza rischia di rimanere nelle mani di un solo senatore o di una senatrice. Il destino del governo gialloverde è così appeso ad un filo e da qui in poi ogni provvedimento potrebbe mettere a rischio l’accordo tra Movimento 5 Stelle e Lega. All’inizio dell’avventura del governo Conte, la maggioranza poteva contare a Palazzo Madama su 171 senatori, ma nel giro di pochi rioni potrebbero rimanere 162, cioè un solo voto di scarto sul livello minimo di maggioranza di 161. Decisive saranno le imminenti decisioni del M5S sulla richiesta di espulsione dei dissidenti Virginia La Mura, Paola Nugnes ed Elena Fattori.

Ad oggi, i probiviri pentastellati hanno rinviato il loro verdetto, ma Luigi Di Maio è indubbiamente preoccupato, perché nel caso in cui le tre senatrici siano espulse, al Senato il Movimento rimarrebbe con 104 unità, cui si sommano i 58 della Lega per comporre la maggioranza di 162, su un totale di 320 senatori (compresi i senatori a vita).

La diaspora a cinque stelle, dunque, prosegue, ma era già iniziata a giugno del 2018 con le espulsioni di Maurizio Buccarella e Carlo Martelli, coinvolti nel caso dei rimborsi non versati al fondo per il microcredito. Prima della fine del 2018, poi, è toccato a Gregorio De Falcio e Saverio De Bonis, espulsi e confluiti nel gruppo Misto. A dicembre, inoltre, ha lasciato il M5S anche Matteo Dall’Osso, che ha deciso di sposare il progetto di Forza Italia, facendo scendere la maggioranza a 165 senatori. Ora, si attende appunto il verdetto sulle senatrici La Mura, Nugnes e Fattori che assottiglierebbero ulteriormente il gruppo pentastellato al Senato.

Maggioranza alternativa senza il M5S non c'è

Un problema di non poco conto, considerato che l’agenda prevede dei provvedimenti sui quali la maggioranza potrebbe andare facilmente sotto. A meno di un supporto da parte di qualche altro partito, che difficilmente però ha a mantenere in vita questo governo. Attualmente, in Senato Forza Italia può vantare 61 unità, mentre FdI 18, ragion per cui una maggioranza alternativa di centrodestra senza il M5S non è ipotizzabile (137 voti non bastano).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO