BCE: "L'Italia ha squilibri eccessivi"

Quest'anno sono 3 i Paesi dell'Eurozona che presentano "squilibri eccessivi" di bilancio: Cipro, la Grecia e l'Italia. Ad affermarlo è stata la BCE nel suo bollettino mensile, nel quale sono riportati i giudizi della Commissione Europea. L'Istituto ha ricordato come "secondo le previsioni dell’autunno 2018 della Commissione europea, nel 2017 tutti i Paesi dell’area dell’euro, a eccezione dell’Italia, abbiano registrato differenziali tra tasso di interesse e tasso di crescita negativi". Per questa ragione il nostro Paese è l'unico ad aver bisogno di un avanzo fiscale primario, cioè di spendere meno rispetto alle entrate, "per stabilizzare o ridurre il rapporto tra debito pubblico e Pil".

L'Istituto ha precisato che "sebbene le proiezioni prevedano un aumento del differenziale in 12 Paesi dell’area entro il 2020, questo valore dovrebbe rimanere in territorio negativo per tutti i Paesi, ad eccezione dell’Italia". Proprio per questo motivo il nostro Paese necessita di un avanzo primario: "se il differenziale fra tasso di interesse e tasso di crescita è strettamente positivo, è necessario un avanzo fiscale primario per stabilizzare o ridurre il rapporto debito pubblico/Pil".

L'Italia, negli ultimi mesi, ha rappresentato un'eccezione: "le condizioni nei mercati delle obbligazioni sovrane sono rimaste per lo più stabili, a eccezione del mercato italiano, dove il differenziale di rendimento a dieci anni ha continuato a mostrare una certa volatilità".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO