Caso Ruby, Emilio Fede non andrà in carcere

Emilio Fede

L'ex direttore del TG4 Emilio Fede non sconterà in carcere la condanna a 4 anni e 7 mesi diventata definitiva dopo la sentenza della Corte di Cassazione nel processo Ruby Bis che ha visto confermare anche la condanna a 2 anni 10 mesi di carcere per Nicole Minetti.

Fede, condannato per favoreggiamento della prostituzione e tentativo di induzione alla prostituzione, potrà con ogni probabilità scontare la prima parte di quella condanna agli arresti domiciliari. La Procura Generale di Milano, infatti, ha accolto l'istanza di differimento della pena presentata dalla difesa di Emilio Fede, che a questo punto procederà con la richiesta della detenzione domiciliare.

Il giornalista compirà tra poche settimane 87 anni, dovrebbe scontare ai domiciliari i primi 7 mesi di quella pena ai domiciliari e quando resteranno da scontare 4 anni potrà chiedere l'affidamento in prova ai servizi sociali.

L'ex consigliera lombarda Nicole Minetti, condannata invece a 2 anni e 10 mesi, potrà chiedere fin da subito l'affidamento in prova ai servizi sociali ed evitare fin da subito la detenzione domiciliare.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO