Nel XXI secolo esiste ancora la Questione Meridionale ?


Questa mattina a Omnibus Estate, il programma di approfondimento de La 7 in orario colazione, si parlava di Puglia e di meridione. Oltre a Bruno Tabacci dell'Udc e ad Alfredo Mantovano (Pdl) partecipava alla trasmissione, in collegamento esterno, la fondatrice del movimento Io Sud, Adriana Poli Bortone, ex An.

Come di consueto il confronto era a tutto campo: il G8, il governo, le alleanze future, Berlusconi... Ma un passaggio in particolare, della Poli Bortone, mi ha colpito. Ad un certo punto infatti è tornata fuori la Questione Meridionale che, secondo la leader di Io Sud, dovrebbe essere ancora affrontata.

Tralasciando ogni approccio alla Bossi / Borghezio / Salvini improntato sulla raffinata scuola di pensiero del va a laurà terun, viene comunque da chiedersi quali sia la Questione Meridionale ancora aperta nel 2009. Di finanziamenti statali ne sono stati erogati a vagonate negli ultimi 50 anni.

Agevolazioni e benefit per le regioni del sud non sono certo mancati. E a ben guardare i problemi principali di alcune aree del meridione d'Italia (oltre al traffico di Benignana memoria), come la presenza malavitosa e la pessima amministrazione del territorio (abusivismo, rifiuti, turismo e beni culturali poco e male valorizzati) non sembrano legati ad una situazione di oggettiva difficoltà strutturale, quanto piuttosto ad eclatanti esempio di incapacità amministrativa.

Secondo voi, quale sarebbe questa Questione Meridionale del XXI secolo?

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
71 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO