Rai Parlamento - Conferenza Stampa Sinistra, Ecologia, Libertà - Nichi Vendola: "Dobbiamo congedarci dal berlusconismo. Monti ha una sindrome di onnipotenza"

22:23 fine intervista.

22:22 Vendola: "Ci vuole una politica industriale. Bisogna rilanciare i trasporti, in questi giorni in Puglia gli inglesi hanno prelevato un'azienda in crisi e ha costruito taxi ecologici per la città di Londra. Bisogna parlare e regolare il mercato e le imprese".

22:21 Vendola: "Io sono stato un militante della gioventù comunista, 41 anni fa. Ho appartenuto ad un partito che ha costruito tanta parte della democrazia in questo paese. C'è il fascino del comunismo come domanda, e non come risposta".

22:19 Vendola: "Bisogna riflettere sul destino della BCE, sulla necessità di attribuirle più poteri, sul ridefinire la sua natura. Sulla spesa per gli investimenti, per aprire i cantieri, non possiamo mettere il cappio al collo sulle risorse congelate dal Patto di Stabilità".

22:17 Vendola: "Il lavoro deve mettere in centro la politica industriale. Rispetto agli scandali di questi giorni, noi vogliamo riprendere in mano la politica industriale. Se non si parte da qui, non si dà lavoro".

22:14 Vendola: "Il definanziamento della scuola pubblica e il collasso delle università è la fotografia di un paese al declino. I nostri atenei non hanno risorse per pagare le spese obbligatorie. Non c'è un piano di manutenzione ordinaria per le scuole. Si comprano i cacciabombardieri e non si mettono in sicurezza i nostri figli. E' una necessità assoluta investire sulla scuola, sulla ricerca, sull'innovazione, sull'alta formazione. In Italia, il corpo docenti è allo sbaraglio. Abbiamo vissuto un'epoca malsana".

22:11 Vendola: "La scelta di Hollande di non raggiungere l'equilibrio di bilancio è stata una scelta positiva. I tecnocrati di Bruxelles non si sono stracciati le vesti. Si è superato il limite, siamo a rischio di un corto circuito. Ad Atene, ci sono i vecchi che muoiono a causa della mancanze della cura e i nazisti che vanno a spaccare la testa ai presunti colpevoli. Sono due facce della stessa medaglia. E' troppo facile pensare che basti una parolaccia per cambiare il mondo. Serve una politica responsabile".

22:08 Vendola sulla patrimoniale: "L'attuale modello fiscale è scandalosamente iniquo. C'è una parte di ricchezza che tende ad eludere ed evadere. In Italia, è evidente che c'è un rapporto sbagliato tra fisco e cittadini. Chi più ha più deve pagare, chi meno ha meno deve pagare. Il cittadino vive un rapporto con l'erario come se subisse un estorsione. Il rapporto con il fisco è malato. Bisogna tassare i grandi patrimoni finanziare e costruire un'anagrafe della ricchezza e della povertà".

22:05 Vendola: "Grillo è l'intercettatore del voto in libertà. Berlusconi, per un ventennio, ha costruito un prodotto sociale di grande ingegno politico. Quel blocco si è sfaldato. Berlusconi ha tenuto insieme tutte le destre. Grillo catalizza il voto in fuga dal centrodestra ma anche il disincanto dal centrosinistra".

22:02 Vendola: "SEL farà parte del futuro governo. Ci sarà stabilità e governabilità. Io sarò un punto di riferimento della stabilità di questo governo per uscire fuori da questo pantano. Vorrei fare il parlamentare. Giocare da libero, senza ruoli da capitano. La vita di chi sta sulla trincea più esposta è stancante".

22:01 Vendola: "Oggi, il centrosinistra compete per vincere le elezioni. La cosa giusta è congedarsi dal berlusconismo e avviare una vera stagione di riforme".

22:00 Vendola: "Se il centrosinistra ha una vittoria zoppata, è un passaggio che va affrontato con pulizia, presentando un programma al parlamento. Non sappiamo se ci sarà Ingroia, non sappiamo nulla sul Movimento 5 Stelle. Una volta in parlamento, parleremo".

21:58 Vendola: "Io sono abituato a sentirmi una specie di trofeo di caccia. Sia legittimo mettere in discussione le nostre idee. Monti ha una sindrome di onnipotenza: ha organizzato un movimento neo-centrista conservatore e voleva purificare la destra da Berlusconi e la sinistra da me".

21:55 Vendola su Rivoluzione Civile: "Scegliere tra Monti e Ingroia è un giochino di palazzo. Con Ingroia, ho punti radicali di dissenso".

21:53 Vendola: "Siamo in una crisi epocale. Non è possibile predefinire le alleanze se non abbiamo la terapia necessaria per rimettere in piedi il paese. La grande coalizione? E' un pensiero mostruoso. Una delle malattia della nostra democrazia è la paura della contesa tra le idee".

21:50 Vendola: "Tra la polemica con Mario Monti e l'accusa di Antonio Ingroia che mi accusano di essermi alleato con Monti, dico che bisogna concentrarsi sui problemi e non sulle polemiche. Il centrosinistra è stato educato dal suo popolo, votando al referendum. Riguardo il mercato del lavoro, bisogna ripristinare l'integrità dell'articolo 18. Ripristinare il diritto al lavoro che non può essere indennizzato o monetizzato".

21:47 Vendola sull'alleanza con Bersani: "Siamo in un tempo storico diverso. Dobbiamo riporre gli strumento del fanatismo e del propagandismo sterile. Rischiamo di essere prigionieri di un tempo finito. Io voglio ricostruire una sinistra di governo".

21:45 inizio intervista. Nichi Vendola è in studio davanti ai giornalisti. Parte un servizio dedicato al partito Sinistra, Ecologia, Libertà.

Questa sera su Rai 2, andrà in onda un'altra serie di conferenze stampa di Rai Parlamento, durante le quali interverranno leader e rappresentati dei partiti politici che si presenteranno alle prossime elezioni politiche. Alle ore 21:40, Nichi Vendola, leader di Sinistra, Ecologia, Libertà, alleato con Pierluigi Bersani, candidato premier per la coalizione di centrosinistra, risponderà alle domande dei giornalisti presenti in studio. Polisblog seguirà l'intera conferenza stampa, riportando tutte le dichiarazioni in tempo reale. Appuntamento alle ore 21:40.

Foto | © Getty Images

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 9 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO