Conclave: il camerlengo, chi è e che ruolo ha

Qual è il ruolo del cardinale camerlengo nella chiesa cattolica? Ecco in sintesi i punti salienti del suo lavoro. Dimenticate tutto quello che Dan Brown scrive e che Ron Howard traduce in film perché non c’è nemmeno una virgola di verità in quel camerlengo letterario.

Il cardinal Tarcisio Bertone

Forse in molti ricordano la figura del camerlengo presente in Angeli e Demoni di Dan Brown. Dimenticate tutto quello che Dan Brown scrive e che Ron Howard traduce in film perché non c’è nemmeno una virgola di verità in quel camerlengo letterario.

Il camerlengo, a guardare l’etimologia, è un “addetto alla camera del sovrano”; nello specifico il cardinale camerlengo è colui che, in tempo di sede vacante, guida la chiesa nelle questioni di ordinaria amministrazione. Ricordiamo che durante la sede vacante non può essere presa alcuna decisione straordinaria, quindi anche definire guida il camerlengo è un po’ esagerato. Oggi il cardinale camerlengo è Tarcisio Bertone che era anche Segretario di Stato (con l’inizio della sede vacante non esiste più il ruolo di Segretario di Stato; il futuro pontefice sceglierà se riconfermare Bertone o nominare un nuovo Segretario). Mentre il Romano Pontefice è felicemente regnante, come si usava dire, il ruolo del cardinale camerlengo è puramente simbolico.

Il cardinal Bertone e, alle spalle, papa Benedetto XVIIn passato il cardinale camerlengo si accertava della morte del papa, chiamandolo per tre volte con il nome di battesimo e distruggeva l’anello piscatorio del pontefice defunto. Oggi la morte del pontefice viene dichiarata da un medico, ma nello specifico di questi giorni il papa non è morto…

Per quel che riguarda l’anello piscatorio, invece, oggi esso viene annullato, come anche si procede all’annullamento del Sigillo di Piombo: del resto ai giorni nostri non si usano più le bolle in ceralacca e l’anello pontificio ha un significato diverso, non più quello di un potere temporale.

Secondo la normativa vigente, nessuno può entrare negli appartamenti pontifici a sede vacante iniziata: se in precedenza l’intenzione era quella di proteggere le stanze del papa da eventuali saccheggi, oggi lo scopo è principalmente quello di evitare il furto di documenti. Precauzione più che mai necessaria in questo periodo di Sede Vacante: se i documenti sono spariti con il papa in casa, figuriamoci con la casa vuota! È sempre il cardinale camerlengo a sigillare gli appartamenti pontifici: nel fare questo, il camerlengo porta con sé la ferula papale, una sorta di scettro che rappresenta l’autorità del pontefice. Lo scorso 28 febbraio Bertone ha sigillato anche l'ascensore che conduce all'appartamento papale.

Il cardinale camerlengo, infine, presiede le congregazioni particolari dei cardinali che trattano temi meno importanti.

Foto | Getty

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO