Rai per una Notte: ascolti, share, utenti unici e il network misto

rai per una notte ascolti share Ma in quanti hanno visto Rai per una Notte ieri sera? Vediamo di fare qualche conto, per forza di cose spannometrico. La sacrosanta serata dedicata alla libertà di stampa, si poteva seguire in varie modalità. In diretta streaming sul web - come anche su tvblog per esempio - su molte emittenti locali come in Lombardia per esempio Telenova, sui network di alcune radio, su Current - che è una via di mezzo - e ovviamente su Sky, per cui piattaforme satellitari o digitali.

I dati share di cui parla stamane Santoro, il 13% - una enormità - si riferiscono alle rilevazioni Auditel sulle piattaforme satellitari, analogica (le tv locali come Telenova di cui vi dicevo prima) e il digitale. Un grosso risultato, che la Rai tende a minimizzare offrendo dati differenti: la serata al Paladozza sarebbe stata seguita da 450mila telespettatori (il 2,03%) mentre su Sky e su Current Tv da 540mila, un 2,4% di share.

Circa un milione di persone, solo fra tv locali e digitali. Ok: avete letto? Benissimo, ora cancellate tutto. Perché non ha senso applicare una rilevazione del genere a un evento come quello di ieri. E' il web, quella magica entità che ridacchia in faccia alla par condicio e alla censura, il campo da misurare, non la tv: e il web si misura in utenti unici e pagine viste, o in trend di ricerca...

Su friendfeed, gira un grafico che mostra i trend di ricerca su twitter di ieri sera per la stringa "Rai per una Notte". E' opera di Ezekiel, e ci mostra come i volumi di ricerca siano stati disumani per l'Italia, robe mai viste. I twit registrati dire, per una rivolta in Iran, sono stati meno, di quelli per #Luttazzi di ieri sera.

Se ne parla anche su mediamondo, della serata di ieri, con un'analisi molto condivisibile, che va oltre l'emozione di avere assistito a una serata che segna la storia della comunicazione in Italia


Il senso è forse proprio questo, considerare che ieri sera abbiamo assistito alla capacità della televisione di trovare un nuovo senso nella dimensione di un network diffuso e misto (satellite, radio, web). E la presenza di alti numeri dei pubblici connessi in Rete ha rappresentato la novità comunicabile ai media mainstream: la Rete guarda la tv di Santoro.

Appunto: guarda. E sta proprio qui la differenza di valore attribuito al pubblico sul web da chi fa televisione.


La forza smodata della serata di ieri sera, da dove deriva? Dalla tv, che ha tirato la volata al web, e viceversa: le due cose si sono contaminate a vicenda, finendo col fare quel genere di feedback che scardina l'informazione classica.

Boccia Artieri centra il bersaglio, quando parla di network diffuso e misto.

Ho fatto anch'io un piccolo grafico, ma con google trends: vi mostra i volumi di ricerca, per alcune parole chiave nel mese di marzo, in Italia. Obama e la riforma sanitaria? Who cares?

rai per una notte grafico trends

Ok, ma torniamo a noi. La rete ha guardato la tv di Santoro: ma quanti erano? Solo da noi, su polisblog, posso dirvi che abbiamo raddoppiato gli utenti unici. Decine di migliaia di persone, sono arrivate su queste pagine, digitando su un motore di ricerca "rai per una notte" o cluster simili. Un risultato che ci fa piacere, ma di sicuro nulla, rispetto a quanto avranno totalizzato siti davvero grossi, come Repubblica o Corriere.it, che giornalmente fanno svariati milioni di pagine viste.

Le avranno raddoppiate anche loro? Dubito, ma a occhio, mi immagino che almeno un aumento del 20-30% l'avranno avuto. E se fai dieci milioni di pagine viste al giorno, un 20% in più, significa due milioni in più. Mica poco.

Ok, ma come li valuti questi utenti? Come lo quantifichi questo ascolto? Il sito di Rai per una Notte ha avuto oltre 8 milioni di hits, qualcosa di mostruoso, per l'Italia. La pagina facebook di RPUN, ha 120mila iscritti e rotti. Non tutti avranno visto il programma, ma quanti poi l'avranno visto nelle piazze? Altre decine di migliaia di persone, in tutta Italia. E' un ascolto diffuso, misto, impossibile da recintare nelle categorie Auditel.

In chiusura, vi segnalo un paio di reazioni: ricordate quando ieri sera scrivevo di censure in vista, di "paletti" per regolamentare? Voilà, ecco cosa spiega Antonio Verro, esponente PdL della commissione di vigilanza

Secondo alcuni legali interni, Michele Santoro puo' aver violato la par condicio e il contratto di esclusiva. Valuteremo in mattinata. Se ci saranno infrazioni proporro' in cda di sanzionarlo

Non manca anche la chiosa di Bruno Vespa:

Finora avevo dovuto chiedere alla Rai il permesso se il piu' innocuo dei dibattiti ai quali partecipavo veniva ripreso dalla piu' piccola televisione
locale. Ieri sera ogni regola e' stata frantumata, in una manifestazione che mi ha lasciato sgomento. Vedremo a questo punto se la Rai e' ancora un'azienda o un posto in cui si gioca a tana liberi tutti

Ieri sera invece ci si è visti un pezzo di storia dell'informazione: ma lì, va a gusti, non tutti sono alla menta.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 62 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
43 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO