Mario Mauro, chi è il ministro della Difesa

Il profilo del nuovo Ministro della Difesa


Dato tra i favoriti per l'ingresso nel nuovo esecutivo, Mario Mauro è stato scelto da Enrico Letta come nuovo ministro della Difesa in rappresentanza di Scelta Civica.

51 anni, nato a San Giovanni Rotondo in provincia di Foggia, Mario Mauro è entrato nel 2013 per la prima volta nel Parlamento italiano, ma il suo impegno politico ha origini ben più lontane. Laureato in filosofia all'Università Cattolica, intraprende la strada dell'insegnamento accademico, ma parallelamente inizia anche a impegnarsi nel sociale. Aderisce a Comunione e Liberazione, il movimento cattolico fondato da don Giussani, e qui conosce Roberto Formigoni di cui diventa amico e collaboratore. Entra in Forza Italia, dove diventa responsabile per la scuola e l'università.

Nel 1999 viene eletto al Parlamento europeo nelle fila del centrodestra. Al contrario di molti suoi colleghi che utilizzano l'Europa come trampolino, o parcheggio, in attesa di ricoprire qualche ruolo in Italia, Mauro si dedica con impegno al lavoro in Ue: nel 2004 viene rieletto e nominato vicepresidente del Parlamento Europeo. Mentre ricopre questo ruolo si impegna in campagne di sensibilizzazione sulla libertà e il dialogo interreligioso, e sul genocidio in Darfur.

Nel 2009 viene rieletto per la terza volta a Strasburgo, e il Pdl lo propone come candidato alla Presidenza del Parlamento Europeo per la prima parte della legislatura. La proposta viene bocciata in favore dell'ex premier polacco Jerzy Buzek e Mauro si consola con il ruolo di capogruppo del Pdl e di rappresentante dell'Ocse contro razzismo e discriminazione.

All'inizio del 2013 lascia il Pdl, in polemica con la sfiducia al governo Monti e con l'alleanza con la Lega Nord. Lascia la carica di capogruppo con un discorso che è un atto d'accusa contro Berlusconi che riceve l'applauso dell'aula, e aderisce a Scelta Civica, partito con cui si candida alle elezioni del 24 e 25 febbraio. È il capogruppo di Scelta Civica al Senato ed è stato chiamato da Giorgio Napolitano a far parte del gruppo dei dieci saggi, nella commissione per le riforme istituzionali.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO