AQUARIUS, LO SFOGO DI ALESSANDRO DI BATTISTA