Mare Jonio, Franceschini a Conte: "Alzi e telefono e faccia sbarcare i migranti"

Next video

menomale che silvio c'è

Clear

Il deputato del PD Dario Franceschini, ex Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo sotto il governo Renzi, si è rivolto direttamente al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per una rapida soluzione della questione della nave Mare Jonio. Stamattina, mentre Conte era alla Camera per comunicazioni relative al prossimo Consiglio UE, Franceschini ha chiesto la parola in aula ed ha affrontato di petto la questione:

Signor Presidente del Consiglio, alzi quel telefono, ce l'ha lì sotto il banco, alzi quel telefono e dia ordine di fare sbarcare quei profughi. Chieda, se le è necessario per consultare i suoi partner di Governo, una sospensione di cinque minuti, ma faccia qualcosa: dimostri di essere il capo del Governo, dimostri che le competenze sue sono competenze del Presidente del Consiglio, non del professor Conte, che vanno difese, salvaguardate. Ci sono competenze calpestate in queste ore del Ministero dei Trasporti, del Ministero degli Esteri, tutto accorpato nella boriosa prepotenza del Ministro dell'Interno che firma una direttiva alle 22, ignota credo a lei e a tutti noi.
Franceschini va poi all'attacco di Matteo Salvini e quanto da lui dichiarato stamattina a proposito della nave Mare Jonio:
Dica a quel vanitoso del suo Ministro dell'Interno che non si gioca duro sulla pelle dei disgraziati, che non si può usare la definizione “nave dei centri sociali” per lasciare persone in mezzo al mare, con il mare a forza 7.
e lo critica per l'incapacità di fare il proprio lavoro e per "mortificare ogni giorno le divise":
Dica al suo Ministro dell'Interno che la smetta di coprire con la crudeltà di queste azioni la sua totale incapacità di garantire la sicurezza degli italiani nelle strade e nelle piazze. Dica al suo Ministro dell'Interno che la smetta di mettersi divise per poi mortificare ogni giorno con degli ordini immorali le persone che gerarchicamente devono disporre i suoi ordini e che quella divisa indossano ogni giorno con onore.