Il trucco della "nave madre" e del barchino su cui trasbordare i migranti