Maturità 2013, le ipotesi sulla seconda prova: la versione di latino