Il nuovo predellino di Berlusconi: video

Silvio Berlusconi ieri si è presentato al Palazzo di Giustizia di Milano per il processo Mediatrade. Erano esattamente otto anni che non metteva piede in aula, e ad attenderlo ha trovato un gruppo di sostenitori con diversi cartelli inneggianti al suo nome.

Sul fronte opposto c'erano invece i contestatori, guidati da Piero Ricca e da alcuni militanti dell'Italia dei Valori. Tra i due gruppi contrapposti si sono scatenati cori da stadio di vario genere; "Silvio, Silvio" di qua, "dimissioni, processo" di là.

Poi la mossa a sorpresa di Berlusconi, che si issa sul predellino della sua vettura con mossa che ricorderà a molti la nascita del Pdl. Anche qui solita litania di inni alla libertà eccetera eccetera.

Ma vediamo anche le dichiarazioni di merito, rilasciate poco prima a Maurizio Belpietro su Canale 5:


"Sono l'uomo più imputato dell'universo e della storia. I giudici di Milano sanno bene di non poter arrivare alla condanna, ma vogliono gettare fango su di me o sulle mie aziende, mi fanno perdere tempo e soldi". "Io in Mediaset non mi sono mai occupato dell'acquisto di diritti tv. Dal gennaio 1994, quando sceso in politica, mi sono allontanato dalle aziende che ho fondato. I diritti tv venivano acquistati da una sezione di Mediaset che passavano all'ufficio acquisti i film da comprare"

Certo, la scelta di presentarsi finalmente ai processi è stata tardiva e ora pare pressoché obbligata. Cionondimeno è un passo avanti. Da notare che Berlusocni si è rifiutato di rispondere a domande sulla questione Rubygate perché "quello è un altro processo". E anche bello tosto, aggiungiamo noi.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO