Effetti collaterali: l'inchiesta sui morti per uranio impoverito in Sardegna


In questo periodo gli effetti negativi del nucleare sembrano essere in primo piano sotto diversi aspetti. Uno di questi riguarda l'utilizzo delle armi contenenti uranio impoverito, cioè quello che risulta dagli scarti di lavorazione del materiale utilizzato per le centrali e per le armi atomiche. Una sorta di riciclaggio che però non ha nulla di virtuoso.

Da tempo si sospetta che l'utilizzo di proiettili contenenti uranio impoverito abbia causato numerose morti e varie sindromi, di cui sono stati vittime i soldati coinvolti nelle ultime guerre ma anche nelle missioni di pace (diciamo così) in Kossovo e Jugoslavia.

Le indagini della magistratura ora stanno interessando anche i poligoni militari. In quello di Quirra, in Sardegna, sono stati trovati elementi radioattivi malamente seppelliti e si sospetta che l'uso di armi all'uranio impoverito abbia causato anche la morte di civili (oltre che di militari che le anno utilizzate): per questo motivo il procuratore della Repubblica di Lanusei, Domenico Fiordalisi, ha ordinato la riesumazione di venti allevatori morti fra il 1995 ed il 2010.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO