Le pagelle del venerdì

Emma Mercegaglia: pragmatica. Voto + 9. La prima presidente donna di Confindustria inaugura il nuovo stile di Confindustria, asciutto e senza retorica. Non facile ottimismo ma sano realismo. “C’è consapevolezza della gravità della situazione. Ci aspettano sfide impegnative. In Italia c’è oggi una situazione politica favorevole al cambiamento. Basta coi ricatti dei partitini. Puntare sulla crescita”. Poi punta il dito contro le banche: “sono quelle in assoluto con meno rischi e responsabilità”. Gongola il Premier Berlusconi: “E’ lo stesso nostro Programma”. Veltroni: “Relazione convincente”. Critico Epifani (Cgil): “Non una parola sui salari troppo bassi e sui prezzi troppo alti”. Soddisfatto Angeletti (Uil): “Programma condivisibile”. Entusiasta Bonanni (Cisl): “E’ una svolta”. Brava Mercegaglia, bel primo colpo! Forse troppi consensi?

Governo “ad personam”: salva Rete4. Voto – 9. Sul decreto delle frequenze tv salva-infrazioni è duro scontro alla Camera. Il governo accelera. Confalonieri: “L’emendamento è sacrosanto”. Sorpresa e irritazione nel Pd. Veltroni: “Faremo una opposizione dura. Avranno l’opposizione che si meritano”. Di Pietro: “ L’emendamento dimostra che il Presidente del Consiglio si fa una legge a suo uso e consumo. E’ una proposta criminogena per salvare rete 4. Gli italiani pagheranno (multa da Ue di 300-400 mila euro al giorno ! ndr) ancora per Berlusconi”. Zaccaria: “Lo fanno perché Mediaset perde in borsa”. Arieccoci, con il conflitto di interessi! Al primo nodo il Cavaliere mostra la stessa faccia di sempre. Il nuovo clima di “dialogo” subito a rischio. Ma c’era proprio bisogno di cominciare in Parlamento dalla questione infuocata delle tv?

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO