Elezioni, a Napoli violenza politica: aggredito Lettieri (Pdl), insultate ragazze, tafferugli all'Università

A forza di soffiare sul fuoco, il fuoco cresce. E brucia. Oggi pomeriggio a Napoli ci sono stati diverse azioni di teppismo politico, mascalzonate inqualificabili, che favoriscono chi non vuole il confronto civile e cerca lo scontro per intorbidire la campagna elettorale.

L’episodio più grave riguarda il candidato a sindaco di Napoli del Pdl, Gianni Lettieri, aggredito da numerosi giovani dei cosiddetti centri sociali davanti al complesso monumentale di San Lorenzo, nel centro antico, dove si era recato per una manifestazione elettorale. Lettieri - secondo la ricostruzione fatta dalla questura - è stato raggiunto da sputi, spintoni e invettive tanto da essere stato costretto a rifugiarsi all'interno della basilica di San Lorenzo.

In precedenza erano state spinte e accerchiate le ragazze in biciclette elettriche che trainavano i manifesti elettorali del candidato. Tensioni e tafferugli anche davanti la sede del Pdl a piazza Bovio. Non bastasse, stamane presso la facoltà di Lettere dell'università Federico II c'è stata una rissa tra universitari di opposte fazioni politiche conclusasi con il ferimento di quattro persone.

Di questo passo, si sa come finirà. Isolare e battere, senza se e senza ma, i violenti di qualsiasi colore politico.

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO