Berlusconi "spara" ad alzo zero e "buca" il video. E la par condicio?

A una settimana dal voto delle amministrative dalla valenza politica, Silvio Berlusconi ha innestato la “quarta”. E chi si aspetta ulteriori spinte, con la “quinta” e la “sesta” marcia, non rimarrà deluso, perché nelle prossime ore il Premier proseguirà nella sua campagna elettorale ad alzo zero.

Berlusconi, legittimamente, fa la sua campagna elettorale da capolista alle elezioni comunali di Milano e come sostenitore del sindaco Moratti. Quello che non puo' essere consentito e' che i telegiornali, nel darne notizia, violino palesemente i criteri della par condicio, penalizzando fortemente sia gli altri candidati a sindaco sia le altre liste che non ospitano come capolista il premier.

"A cominciare da Manfredi Palmeri e Giuliano Pisapia – rileva il capogruppo Udc in Vigilanza Rai Roberto Rao - nessuno puo' sperare in un riequilibrio della situazione a proprio favore, ma l'Agcom non puo' permettere una disparita' di trattamento cosi' evidente, come prescrivono i regolamenti emanati dalla stessa Autorita' e dalla commissione di Vigilanza Rai per le reti private e per quelle pubbliche”.

Serve a qualcosa fissare regole rigide come quelle della par condicio, se poi viene consentito di violarle al candidato “number one” d'Italia, quello che per primo dovrebbe sottostarvi?

Il Cavaliere, come sempre, fa e disfa come gli pare e piace, a proprio uso e consumo.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO