Al Gore, la chiusura di Current e la reazione di Sky: dove sta la verità?

logo current al gore Ieri pomeriggio all'Hotel de Russie, siamo stati "in gran segreto" convocati , qual membri della "blogger community", da Al Gore. Proprio lui. L'incontro anticipava il suo intervento da Santoro e le sue eventuali dichiarazioni alla stampa in merito al caso CurrentTv. Ne hanno parlato ampiamente su TvBlog.

Onestamente ci siamo subito sentiti un po' confusi da questa chiamata alle tastiere. Molti di noi avevano in mente uno scenario diverso per un tale appuntamento. Al Gore rappresentava ancora la battaglia contro il global warming, gli Oscar per An Inconvenient Truth e il Nobel per la pace. Ora ci raduna in pochi intimi e sembra più un war briefing che un incontro informale.

Controlli incrociati sulle liste (non d'esclusivo ambito blogging), divieto di foto e video, poche domande. Molta retorica. Al Gore si presenta così, con educatissima presenza democratica, ma con una sola missione: trascinarci alla crociata per difendere Current TV dalla cancellazione fra i palinsesti di Sky Italia.

Il contratto con Current Italia che mandava in onda per gli abbonati Sky, il canale televisivo fondato da Al Gore, non sarà rinnovato. Le trasmissioni saranno sospese il 31 luglio: fin qui la notizia. La spiegazione di Al Gore è stata però piuttosto fumosa - ma chiarita in seguito ad Annozero, in serata


SKY di fatto vuole investire nel DTT, ma non può, a meno che il Governo di Berlusconi approvi e permetta loro di farlo. C’è un cambiamento di linguaggio, un riscaldamento dei rapporti. In passato, coloro che erano vicini a Berlusconi hanno cercato di far pressioni su SKY per impedire a Current di trasmettere certi programmi: SKY ci ha difesi, ma quando si è parlato di un rinnovo, forse per avere un rapporto migliore con il Governo Berlusconi, probabilmente questo è stato un fattore che gli ha fatto decidere di chiudere Current improvvisamente.

L'ordine di cancellare il canale arriva dagli USA, dagli "headquarters" di News Corp, la società di Rupert Murdoch che gestisce anche lo Sky italiano, che si sarebbero preoccupati per il contatto di Current con Keith Olbermann, famoso giornalista della Msnbc, definito più volte dallo stesso Gore: "the american Santoro".

Proprio a lui, nemico di Fox News e critico della stessa News Corp, Current US avrebbe offerto uno spazio in "prime-time". Solo questa prospettiva avrebbe fatto infuriare Murdoch tanto da ritorcere il suo malessere sul canale italiano. Lo spiegano oggi sul Fatto Quotidiano:

“Keith Olbermann è un opinionista di talento e un potente comunicatore”. Lo scorso febbraio Al Gore era orgoglioso di averlo appena arruolato nello staff di Current Usa in veste di nuovo Chief News Officer. Non sapeva che poco più di tre mesi dopo quella decisione si sarebbe trasformata in una ritorsione di Rupert Murdoch nei confronti di Current Italia per avere assunto uno dei giornalisti liberal più critici sulla piazza che con il tycoon si era già scontrato in passato.

Gore ha poi tenuto a precisare che Current Italia ha un ottimo riscontro di pubblico, che vince premi, e che i numeri sono dalla sua parte. E che quindi, la vera ragione per questa decisione punitiva sia da ricercare nei rapporti tra Murdoch e Berlusconi, che ultimamente, rispetto ai primi anni di concorrenza dura, si sono molto "riscaldati".

Sky Italia, ha proposto però una visione differente della questione: tutta intorno ai soldi. Il comunicato di Sky spiega che l'offertoa per il rinnovo ci sarebbe stata, sì, ma che CurrentTv non avrebbe accettato ritenendola troppo bassa.

Sky Italia ha proposto un rinnovo con un’offerta in linea con il mercato, con il contesto economico e con le performance di Current. Un’offerta peraltro coerente con quelle in discussione con altri editori nostri partner, tra cui diversi editori italiani.

Il management di Current TV ha ritenuto di non rispondere neanche a questa offerta, richiedendo invece un aumento dei corrispettivi da parte di Sky pari al doppio di quelli attuali. Un livello di incremento che nessun altro editore con cui Sky collabora ha mai richiesto a Sky durante gli ultimi anni. Questa scelta ha dunque portato, nostro malgrado, alla decisione di non rinnovare questo rapporto.

Va anche precisato che, pur ribadendo l’apprezzamento per la qualità di alcuni dei programmi in onda su Current, la sua performance non è purtroppo in crescita. L’ascolto medio giornaliero di Current TV nel 2011 è stato finora di un totale di 2952 telespettatori, con una perdita del 20% rispetto ai 3.600 spettatori medi del 2010. Se poi si analizza il prime time, purtroppo, tra il 2011 ed il 2010, la perdita di ascolti di Current TV è prossima al 40%


Ieri Gore spiegava che News Corp sta per entrare nel business del digitale terrestre (sul quale Sky dovrebbe lanciare nuovi canali) e, per questo, avrebbero bisogno del consenso del governo Berlusconi. E pare che personalità molte vicine al nostro Primo Ministro, si siano fatte spesso sentire per fermare la programmazione di Current, Al Gore ce lo assicura senza fare nomi.

Ebbene questa è, o dovrebbe essere l'intricata situazione. Purtroppo Internet, sempre per Al, è ancora agli albori (?) e quindi dovremmo attivarci per sollecitare gli abbonati Sky e i cittadini che meritano un'opinione pubblica più ampia a combattere civilmente, fino a minacciare di strappare il contratto d'abbonamento.

Qui, il suo spirito democratico straripa. Perché ci ricorda quanto la concentrazione di potere sia pericolosa come la manipolazione dell'informazione. Qualcuno gli fa notare che in Italia questi problemi procedono da un po' di tempo (e che non abbiamo mai veramente regolamentato questo grottesco aspetto). Colpa nostra. Ha ragione.

Tuttavia stridono certe sue conclusioni molto meno democratiche nei fatti. Intanto aspetta di vedere come reagirà Sky Italia, con la quale ha un ottimo rapporto professionale, perché per ora non se la sente di trasportare Current sul digitale terrestre, anche perché lo definisce uno "smaller business".

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO