Veritometro: Letizia Moratti e Ecopass, dall'estensione all'abolizione in un mese e mezzo









"Il 12 e 13 giugno voterò a favore dei 5 referendum cittadini sull'ambiente»




Letizia Moratti, 13 aprile 2011



Scopri perchè dopo il salto

I sondaggi per il ballottaggio di Milano non devono essere molto incoraggianti per Letizia Moratti. Non si spiegherebbe altrimenti la mossa dell'ulltimo minuto di annunciare "l'abolizione di Ecopass" (da lei istituito) e l'accusa allo sfidante Giuliano Pisapia di voler portare la pollution charge a 10 euro.

Su quanto gli slogan di questo manifesto corrispondano a verità si è già espresso egregiamente Luca Sofri. In questo veritometro di polisblog invece ci concentriamo sulle affermazioni di Letizia Moratti dello scorso 13 aprile (ancora riportate sul suo sito!):

“Il 12 e 13 giugno voterò a favore dei 5 referendum cittadini sull’ambiente"

A che referendum si riferisce la Moratti? Semplice, a quelli dell'"Iniziativa popolare referendaria per la qualità dell'ambiente e la mobilità sostenibile a Milano". Il primo di questi quesiti recita:

“Volete voi che il Comune di Milano adotti e realizzi un piano di interventi per potenziare il trasporto pubblico e la mobilità “pulita” alternativa all’auto, attraverso l’estensione a tutti gli autoveicoli (esclusi quelli ad emissioni zero) e l’allargamento progressivo fino alla “cerchia ferroviaria” del sistema di accesso a pagamento, con l’obiettivo di dimezzare il traffico e le emissioni inquinanti?"

Un mese e mezzo fa sia Moratti che Pisapia erano quindi a favore dell'estensione. Poi l'improvviso voltafaccia del centrodestra. Per recuperare voti in vista del ballottaggio di Milano. Se funzionerà, lo sapremo lunedì 30 maggio.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO