Daniela Santanchè lancia il referendum:"Venite a firmare: riapriamo le case chiuse"

Ieri mattina Daniela Santanchè ha depositato una proposta per un referendum a dir poco singolare: vuole riaprire le case chiuse. Circa ogni sei mesi qualcuno salta su e per farsi notare, vedendo la propria stella appannarsi, tira fuori la proposta. "Riapriamo le case chiuse". "Creiamo un quartiere a luci rosse". "Facciamo un red light district come ad Amburgo". L'ultima volta era stato a Milano, qualche mese fa; era venuta fuori l'idea di realizzare un quartiere del sesso nella zona universitaria della Bicocca. Ma torniamo a noi. Ecco cosa ha dichiarato l'ex compagna di Paolo Santanchè:

"Non so come si comporterà la Chiesa, è chiaro che avrà una posizione diversa, ma noi andremo avanti lo stesso". Del resto parlando con le sue amiche, prima della presentazione ai giornalisti, la pasionaria glamour pronostica l'ostilità del mondo cattolico, ma non sembra preoccuparsene troppo: "Se dovessi sempre tener conto della Chiesa non farei nulla, io per esempio non sono d'accordo con la posizione del Vaticano sugli anticoncezionali"

Vedremo come va a finre, anche se per ora i "no" a quella che in realtà sarebbe una proposta tutto sommato civilissima, fioccano bipartisan, c'è l'anatema di Don Gallo, le perplessità del Pd, e pure i Radicali, che in teoria dovrebbero essere d'accordo, non sono d'accordo. Tutto come al solito.

  • shares
  • Mail
38 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO