Sciopero generale Cgil, Bersani riporta il Pd in piazza

Pier Luigi Bersani fa (mezza) marcia indietro sullo sciopero generale del 6 settembre, riavvicinandosi alla Cgil. Masticano amaro Fioroni, Marini, Veltroni e l’agguerrita fronda interna dei “40enni” e torna a sorridere Susanna Camusso.

Il Partito democratico sta con il “suo” sindacato. "Il Partito democratico sarà presente ovunque si criticherà questa manovra. Leggo anche in casa mia - ha detto Bersani ospite al Meeting di Rimini - una discussione che non capisco. Tutti protestano per questa manovra, non ho sentito nessuno che sia d’accordo. C’è chi sceglie lo sciopero, chi fa assemblea, chi una raccolta di firme... Io dico: ognuno scelga in autonomia la forma che vuole, il Pd sarà presente in tutti i luoghi, sciopero o quant’altro, organizzati da chi vuol chiedere più equità e crescita nella manovra, correggendola".

Insomma, il Pd non può e non vuole aderire con un suo documento ufficiale allo sciopero della Cgil ma sarà nelle 100 piazze d’Italia sotto le bandiere rosse del primo sindacato italiano. Tutti contenti o tutti scontenti?

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO