Caso Tarantini-Lavitola, sconfitta per la procura napoletana: l'inchiesta passa a Roma


Nonostante la ferma sicurezza dimostrata in pubblico dal Procuratore Lepore e dal Pm Woodcock sul mantenimento della competenza sull'inchiesta sui presunti ricatti del duo Lavitola-Tarantini ai danni di Berlusconi, il Gip di Napoli Amelia Primavera ha sconfessato la territorialità della città partenopea sulla vicenda. Se i reati ci sono, sono stati fatti a Roma e lì passa l'inchiesta.

Il Gip ha infatti ritenuto credibili le dichiarazioni rilasciate dalla "vittima" Berlusconi nel suo memoriale:

La stessa vittima del reato ha confermato di aver corrisposto le somme di denaro sempre a Roma traendole da proprie disponibilità liquide che teneva presso la sua abitazione di Palazzo Grazioli. Dichiarazioni credibili con riferimento al luogo della dazione del denaro oggetto dell'attività estorsiva ipotizzata

In realtà in ambienti giudiziari a Napoli si considerava molto plausibile questa eventualità, non essendoci appigli per tenere l'inchiesta a Napoli e numerosi commentatori e cronisti giudiziari valutavano come palese il difetto di territorialità già dall'inizio dell'inchiesta. Sfuma inoltre anche l'ipotesi di accompagnamento coatto su cui ragionavano i pm per costringere Berlusconi a farsi sentire.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO