Sondaggio - Intercettazioni, condividi la proposta di Berlusconi?

L'annuncio arriva direttamente dal premier Silvio Berlusconi che ieri, da Santa Margherita Ligure in provincia di Genova, in occasione del convegno dei Giovani Imprenditori, ha anticipato che il prossimo consiglio dei ministri sarà chiamato a prendere in esame un provvedimento di riforma in materia di intercettazioni (clicca qui per conosce le norme attuali).

L'obiettivo del Governo è quello di introdurre il divieto assoluto di intercettazioni telefoniche fatta eccezione per quelle che riguardano la criminalità organizzata e il terrorismo. Saranno previsti cinque anni di carcere, infatti, per chi le eseguirà e chi le propagherà, oltre ad una forte penalizzazione economica per gli editori che le pubblicano.

Contrari al provvedimento giornalisti, magistrati e opposizione con in testa Antonio Di Pietro che stamani, dalle colonne di Repubblica, parla di "progetto criminoso": "Non è degno di uno stato di diritto - ha chiarito il leader dell'Idv - che, di fronte al crimine, vengano eliminati gli strumenti a disposizione per combatterlo".

  • shares
  • Mail
45 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO