Nel Pd tutti contro Bersani che ora rischia di essere scaricato


La sceneggiata nel Pd è ormai un classico per ogni stagione. E il bello è che pur essendo in una situazione oggettivamente favorevole dal punto di vista elettorale, la guerra del tutti contro tutti addirittura aumenta. E Bersani si trova in gravissima difficoltà, in balia di attacchi interni e di tentativi sempre più evidenti di farlo fuori.

3 sono i punti su cui la segreteria Bersani è attaccata: l’indecisione e ostilità rispetto alla lettera della Bce, la posizione altalenante sul referendum e l’insistenza sul voto anticipato, anziché su un governo di emergenza. La minoranza sembra sempre più forte e vede al momento uniti Veltroni, Fioroni, Parisi, Franceschini e forse anche E.Letta.

L'indecisione di Bersani su molti temi non rafforza la sua posizione e i centristi del partito non sopportano lo spostamento a sinistra della coalizione con l'ormai quasi sicuro approdo dell'Udc nel centrodestra, soprattutto se Berlusconi non si ricandiderà nel 2013 (o l'anno prossimo).

Gentiloni arriva persino a dire che non è scontato che Bersani sia il candidato del Pd nel 2012 e all'orizzonte spunta l'ipotesi Renzi sostenuta da Veltroni. Cosa succederà a Bersani? Verrà fregato proprio prima dell'appuntamento elettorale?

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO