Esteri: il giro del mondo in tremila battute

Medio Oriente: soldati siriani sconfinano in Libano, possibile escalation regionale della crisi. Come riporta la Bbc, l'incursione oltre confine ha causato anche una vittima: un contadino siriano che viveva nella regione libanese della Bekaa, al confine tra i due Paesi.

Al di là del fatto che la morte di un uomo è sempre un evento tragico, il dato veramente preoccupante di questa notizia riguarda lo sconfinamento di truppe siriane all’interno del Paese dei cedri. Nel corso della settimana mezzi blindati di Damasco sono entrati in territorio libanese nei pressi di Sabaa (nella regione della Bekaa), attaccando i contadini della zona e le loro abitazioni. Il motivo dell’incursione è da ricercarsi nel fatto che in Libano hanno trovato rifugio circa 5.000 oppositori del regime di Assad, tra i quali diversi disertori.

Mentre cresce il bilancio delle vittime della repressione in Siria, prende corpo il timore di una possibile escalation regionale della crisi. Le premesse ci sono e non sono incoraggianti.

Negli ultimi decenni, la Siria ha sempre considerato il Libano come una sorta di cortile di casa: solo lo sdegno internazionale dovuto all’uccisione, nel 2005, dell’ex Premier Rafiq Hariri (di cui è accusato il partito integralista Hezbollah, alleato della Siria) aveva costretto Damasco a ritirare il proprio contingente di truppe che occupava il Libano da trent’anni. I nuovi incidenti di confine fanno temere che si possa tornare al passato. Ma il fronte, per Assad, potrebbe aprirsi anche ad est...

E' di questi giorni la notizia che la Turchia sta muovendo truppe lungo il confine con la Siria. Non è un mistero che il Governo Erdogan vorrebbe percorrere la strada dell'intervento militare per porre fine al regime di Assad.

Gli scarsi risultati ottenuti fino ad ora dalla diplomazia occidentale (con la mancata approvazione delle sanzioni al Consiglio di sicurezza dell’Onu) fanno presagire che non sarà facile tenere a freno l'attivismo di Ankara e la sua volontà di comportarsi come il gendarme del Medio Oriente.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO