Bossi alza la voce e a Varese "nomina" il suo federale. Forfait dei due candidati "maroniani"

Chi si aspettava un finale da western di Sergio Leone è rimasto deluso. Il duello annunciato per la segreteria della Lega di Varese si è risolto senza sparare un sol colpo.

Dei tre sfidanti, due, quelli sponsorizzati da Bobo Maroni, se la sono data a gambe, impauriti dalle minacce del Senatur che di fatto fa nominare “federale” il suo fedelissimo Maurilio Canton, sindaco di Cadrezzate.

Stefano Candiani, segretario uscente e sindaco di Tradate, spiega così a TMNews che cosa ha convinto Donato Castiglioni e Leonardo Tarantino a decidere di rinunciare alla propria candidatura.

"Canton è il candidato vincente - dice Candiani - gli altri si sono ritirati più per il grande rispetto verso Umberto Bossi che per l'apprezzamento per la candidatura di Canton". Chiaro? Il Carroccio, l’ultimo partito bolscevico. Il Trota docet.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO