Matteo Renzi "spara" contro Bersani. Dura replica del leader del Pd: "Le tue idee sono un usato degli anni '80"

Nelle sue attese conclusioni alla Leopolda di Firenze Matteo Renzi si rivolge a muso duro a Bersani:"E' evidente che c'è un problema di rapporto con le vecchie liturgie dei partiti, lo dico con rispetto. E' finita l'era dei dirigenti del partito che danno la linea agli eletti i quali sono poi chiamati a fare il volantinaggio per spiegare cosa devono pensare i cittadini: andava bene nel '900, ora no. Gli elettori devono avere peso e concorrere alla linea del partito. Non ci sto a prendere la linea da uno che non prende nemmeno i voti del suo condominio. Un partito degno di questo nome non si preoccupa di creare burocrazia. E se il Pd vuole vincere deve scrivere un'altra storia. Non si ferma il vento con le mani, non si ferma il desiderio di chi ha voglia: apriamo, spalanchiamo le porte della politica!".

Ma il segretario del Pd non si tira indietro e infilza il “rottamatore”. Non bisogna «scambiare per nuove delle idee che sono un usato degli anni '80».

Così Pierluigi Bersani, parlando a Napoli a margine della scuola di formazione politica dei giovani del Mezzogiorno. «Tutte le idee sono buone, sono amico di tutti - ha spiegato il segretario democratico riferendosi alle parole del sindaco di Firenze Matteo Renzi - Dico solo 'le idee le vedremo, 'attenzione' a non scambiare per nuove delle idee che sono un usato degli anni '80 perché con certe idee siamo finiti nei guai. Queste ricette facili, queste idee troppo semplici ci hanno portato dei guai. Vanno benissimo idee nuove, ma non scambiamo idee per nuove idee che abbiamo già vissuto. Tutto qua, dopodiché non c'è polemica con nessuno», ha concluso.

Frittata. Il Cavaliere ringrazia.

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO