Fuori dal parlamento, fuori dall'informazione?

Le ultime elezioni politiche hanno segnato un enorme passo in direzione di un panorama bipolare. Molti sono stati i partiti esclusi, alcuni con enorme sorpresa anche dei commentatori più esperti.
Tra questi spiccano sicuramente la Sinistra Arcobaleno, coalizione dei partiti di estrema sinistra, ma anche La Destra e la lista Aborto?No, grazie.

I dati Bayes-Swarm www.bayes-swarm.com sulla presenza dei rispettivi candidati premier nei siti di informazione ci mostrano delle oscillazioni interessanti.

ferrarasantanchbertinotti

Nel mese di campagna elettorale Giuliano Ferrara ha avuto un'ottima visibilità (823 occorrenze), quasi il doppio degli altri due candidati insieme. La campagna contro l'aborto e le successive polemiche hanno suscitato un'enorme interesse da parte dei media, ma hanno ottenuto, al contrario, un pessimo risultato alle elezioni.
L'interesse per Ferrara è perciò crollato nel mese successivo (300 occorrenze): questo risultato è certo dovuto ad un riorientamento dell'informazione in base al consenso dimostrato dal paese, ma lascia perlomeno il sospetto di una strumentalizzazione del tema dell’aborto, prima sopravvalutato e poi abbandonato al momento della sconfitta.

A Daniela Santanchè, ed in misura minore a Fausto Bertinotti, è stata invece riservata maggiore attenzione nel mese successivo rispetto al periodo della campagna. Le motivazioni sembrano opposte: la prima, come donna a capo di un nuovo partito di destra, ha ottenuto comunque un buon risultato, pur non essendo entrata in parlamento; il secondo invece accusato della disastrosa ed inaspettata sconfitta della sua coalizione.

Tra l’11 Maggio ed il 10 Giugno, passata l’euforia delle elezioni, i media hanno oltremodo abbassato la loro attenzione verso i tre leader: Bertinotti è praticamente scomparso dalla vita politica e dai media, probabilmente anche per sua volontà; Ferrara mantiene attenzione attraverso la propria professione di giornalista; la Santanchè è tornata a far parlare di se' per la sua iniziativa di referendum sulla prostituzione.

Fuori dal Parlamento, fuori dall’informazione? Si, c’è un’evidente connessione tra la presenza dei politici in Parlamento e la possibilità di accedere ai media: chi non ottiene il seggio non partecipa più alla quotidianità politica del botta e risposta, e necessita di azioni eccezionali per tornare a fare notizia.

N.B. Ai risultati di Ferrara sono state sottratte 10 occorrenze quotidiane per eliminare quelle relative alla cronaca di Ferrara di Repubblica e de Il Resto del Carlino. L’utilizzo della parola Ferrara come nome della città potrebbe comunque aver influenzato lievemente i dati.

Lara Burriesci

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO