Commento shock sul ministro Kyenge, ipotesi di odio razziale per Valandro

Roberto Maroni, Flavio Tosi e Massimo Bitonci hanno confermato la decisione.

La procura: ipotesi di odio razziale per Valandro

La procura di Padova ha aperto un fascicolo per l'infelice uscita dell'ex leghista Dolores Valandro sul ministro Cecile Kyenge: le ipotesi di reato sono di istigazione all'odio razziale.

Lega Nord, Dolores Valandro espulsa dopo il commento shock su Cecile Kyenge

E' dal momento del suo insediamento che la Lega Nord nutre, nei confronti del Ministro dell'Integrazione Cecile Kyenge, un'attenzione che rasenta il patologico. Il numero dei colpi bassi leghisti inferti al ministro, ormai, non si contano più e sinceramente non fanno neanche più notizia.

Quello che è accaduto oggi, però, non è stata una semplice ripicca politica: il consigliere della Lega Nord, Dolores Valandro, operativa a Padova, infatti, ha condiviso su Facebook, la notizia riguardante un tentativo di stupro a Genova, perpetrato da un ragazzo africano ai danni di due ragazze. La Valandro ha aggiunto alla notizia, un commento deplorevole rivolto alla Kyenge:

Ma mai nessuno che la stupri, così tanto per capire cosa può provare la vittima di questo efferato reato??????? Vergogna!

La condanna unanime giunta dopo la pubblicazione di questo commento è sottintesa. La frase ingiuriosa è stata ritenuta eccessiva perfino per la Lega Nord, il che è tutto dire, e dal Carroccio, sono subito arrivate le prime dichiarazioni a riguardo, con le conseguenti decisioni.

Il segretario Roberto Maroni ha rilasciato questa dichiarazione categorica:

Non la conosco ma sarà espulsa.

Flavio Tosi

, segretario veneto e vice segretario federale della Lega Nord, ha aggiunto anche le scuse per il ministro:

Una dichiarazione inqualificabile. Era già sospesa. Stasera sarà espulsa. Mi scuso con il ministro a nome della Lega.

Anche Massimo Bitonci, capogruppo della Lega Nord al Senato, non ha esitato a condannare il gesto:

Mi dissocio nella maniera più totale dalla frase violenta, stupida e inopportuna scritta dalla consigliera di quartiere di Padova, Dolores Valandro, su Facebook nei confronti del ministro Kyenge. Si tratta di una sua personale iniziativa che non è condivisa dal movimento. Prenderemo immediatamente provvedimenti disciplinari nei confronti della Valandro e personalmente le ho già chiesto comunque di rimuovere questa scritta dal suo profilo e di chiedere scusa.

Cecile Kyenge, ministro del Governo Letta, ha voluto rispondere, dando giustamente non eccessiva importanza alla dichiarazione della Valandro:

Non rispondo a questo linguaggio violento perché ognuno di noi dovrebbe sentirsi offeso. E' un linguaggio che non mi appartiene perché istiga alla violenza e cerca di istigare alla violenza tutti i cittadini. Chiunque deve sentirsi offeso, non solo il ministro. Negli anni mi sono sempre impegnata con un linguaggio verso la non violenza. Parlo con tante persone e ognuno ha il suo modo di pensare, ognuno può avere la propria ideologia. Ma non permetto che mi venga imposto un linguaggio e un comportamento violento.


Dolores Valandro, dal suo punto di vista, ha tentato una difesa disperata che, ovviamente, non ha sortito l'effetto sperato:

Non sono cattiva. La mia era solo una battuta. A volte sfogo la rabbia così, chiedo scusa, ma io non sono un tipo violento.
  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO